Resta in contatto

News

Marsiglia, Milik: “Felice di ritrovare Sarri. Stadio vuoto? I nostri ci sono sempre”

L’attaccante Milik ha parlato, insieme a Sampaoli, alla vigilia della gara contro la Lazio.

Le sue parole.

Come stai fisicamente?

“Sono stato qualche mese fuori, ma da settembre mi sto allenando con la squadra. Ho giocato tre partite e mi sento bene fisicamente. Non sono pronto per giocare 8 partite di fila, ma il ginocchio sta bene e questo è importante. Sono contento che abbiamo vinto con il Loreint e che ho segnato. Dobbiamo lavorare perché domani c’è una partita importante e vogliamo fare bene. “.

Che effetto ti fa ritrovare Sarri?

“Siamo stati due anni insieme a Napoli. Abbiamo un buon rapporto, ho tanto rispetto per lui, è un grande allenatore. Peccato non aver vinto niente. Dopo lui lo ha fatto al Chelsea e alla Juventus, è forte e ha idee molto chiare sul calcio che vuole giocare. Posso dire solo cose positive”.

Sampaoli ha un gioco offensivo: come ti trovi?

“Sempre bello per un attaccante avere un allenatore come Sampaoli che gioca molto in attacco. Per un centravanti e la cosa più bella del mondo, sei sempre pericoloso e vicino alla porta. Sono contento che giochiamo in questo modo, possiamo ancora migliorare tanto ma con il tempo riusciremo a fare passi avanti. La squadra è giovane e giocando migliorerà”.

Domani c’è la Lazio, domenica il Psg: sarà una settimana importante…

“Non voglio sentire parlare del Psg, bisogna solo pensare alla Lazio, che sarà una partita importante. Il gruppo sta bene, per noi deve contare solo la gara di domani”.

All’Olimpico domani ci saranno pochi spettatori:

“Con i nostri tifosi abbiamo sempre lo stadio pieno. Non posso dire niente sugli altri. Sono contento dei tifosi del Marsiglia perché ogni partita ci sono sempre vicini e questa è la cosa più importante per un giocatore. Domani non ci sarà lo stadio pieno ma sono cose che non dipendono da noi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da News