Resta in contatto

Settore giovanile

Lazio Primavera, ennesimo tonfo: il Genoa travolge i biancocelesti

Esordio amaro per Calori sulla panchina della Lazio Primavera. Ennesimo crollo stagionale per i biancocelesti travolti 5-0 dal Genoa.

Di Simone Brisi

Altra pesante sconfitta per la Lazio, che a Genova perde 5-0
Biancocelesti che in avvio di gara tentano di segnare, con Cerbara che non inquadra la porta. Dopodiché sale in cattedra il Genoa, con Estrella che porta in vantaggio i rossoblu al 21′. La Lazio cerca la reazione e Ferrante colpisce la traversa, complice anche una decisiva deviazione del portiere di casa. Sul ribaltamento, da azione da corner, raddoppia il Genoa con l’incornata di testa di Gjini. Genoa che nel recupero potrebbe anche segnare il terzo gol, ma Dumbravanu su punizione trova la traversa. Nella ripresa non c’è partita e il Genoa dilaga: al 59′ con Serpe su rigore e al 63′ con Dumbravanu su punizione. I padroni di casa cercano anche il pokerissimo, che arriva all’89’ con Konig che di esterno infila Pereira, dopo che qualche minuto prima era stato bravissimo Franco a negargli il gol. Finisce così, manita del Genoa alla Lazio, che è con la testa già proiettata al playout nonostante ci sia ancora da giocare una partita, con l’Ascoli mercoledì.

 

 

 

Tabellino:
GENOA (3-4-1-2): Agostino; Gjini, Serpe, Dumbravanu (69′ De Angelis); Dellepiane, Eyango (69′ Konig), Sadiku (80′ Turchet), Boci (69′ Marcandalli); Besaggio; Estrella, Kallon (80′ Dellapietra).

A disp.: Tononi, Boli, Zaccone, Zenelaj, Zielski, Conti, Della Pina. All. Luca Chiappino

 

LAZIO (4-3-3): Pereira; Floriani Mussolini, Novella (64′ Zaghini), D. Franco, T. Marino; Shehu (58′ Tare), Bertini, Ferrante; Castigliani (68′ Cesaroni), Cerbara (68′ Mancino), Moro.

A disp.: Peruzzi, Zappalà, L. Franco, Ferro, Capotosti. All. Alessandro Calori

Marcatori: 21′ Estrella (G), 35′ Gjini (G), 59′ Serpe (rig. G), 63′ Dumbravanu (G), 89′ Konig (G)

Ammoniti: Dumbravanu (G), Ferrante (L), Floriani (L)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement

Altro da Settore giovanile