Resta in contatto

News

Lazio, Luiz Felipe: “Mi dispiace per l’ammonizione, volevo esserci col Sassuolo”

Lazio, le parole di Luiz Felipe al termine della sfida col Torino

Il recupero della 25^ giornata, Lazio-Torino si è conclusa 0-0, risultato che fa esultare i granata che si salvano con una giornata di anticipo. A fine gara le parole di Luiz Felipe a LSR: “Mi dispiace tanto per l’ammonizione perché volevo giocare col Sassuolo per ritrovare il ritmo. Ce l’abbiamo messa tutta per vincere, abbiamo creato tanto ma il risultato non è venuto, esco dallo Stadio sapendo di aver dato tutto. Siamo abituati che gli attaccanti fanno gol e noi evitiamo di subirli, oggi era complicato perché loro si sono chiusi in difesa e hanno concesso poco, il calcio è anche questo. Loro sono venuti qui per difendere il risultato, come contro il Parma, ci viene difficile segnare perché siamo bravi in ripartenza ma quando le avversarie giocano così è complicata. Olimpiadi? Sono felice della convocazione, ho sempre lavorato per questa opportunità con la Nazionale. E’ un’opportunità unica e voglio giocarmela al meglio. Stare 3 mesi fuori, in Germania, non è facile e mi sono mancati tutti tanto. Lavorerò tanto anche nelle vacanze per arrivare in ritiro nel migliore delle condizioni“.

Le parole a Sky

“Abbiamo messo tutti noi stessi e siamo molto rammaricati. Loro si sono chiusi tutti dietro e per noi non è stato facile sviluppare il nostro gioco. Siamo dispiaciuti, però pensiamo al Sassuolo. Potevamo arrivare in Champions, il Covid ci ha penalizzato ma non dobbiamo trovare scuse.

Stagione difficile per me. Ho giocato anche molte partite con il dolore alla caviglia ma la situazione non migliorava e ho deciso di operarmi. Ora penso ai giochi Olimpici e alla prossima stagione con la Lazio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement

Altro da News