Resta in contatto

Rubriche

Diamo i numeri di Udinese – Lazio: bilancio positivo per le aquile, che devono riscattare l’andata

I numeri di Udinese – Lazio sorridono ai biancocelesti, ma occhio alla squadra di Gotti in striscia positiva da 5 turni.

Di Daniele Caroleo

Inutile negarlo: la sconfitta nella partita di andata, contro l’Udinese, brucia ancora parecchio. Un 3 a 1, allo Stadio Olimpico, che ha consentito alla squadra di Gotti di rilanciarsi ulteriormente in campionato, per uscire dalle parti basse della classifica; mentre per la Lazio c’è stato il brusco stop (uno dei tanti di questa stagione), dopo una serie di buoni risultati inanellati di seguito, tra Champions League e Serie A.

Quello dello scorso novembre, inoltre, è stato il primo successo del tecnico dei friulani, Gotti, nel confronto diretto con Simone Inzaghi (nei precedenti 2, Simone aveva ottenuto 1 vittoria ed 1 pareggio), mentre l’allenatore biancoceleste è andato incontro alla sua prima sconfitta in carriera contro l’Udinese (nei precedenti 8 confronti c’erano state ben 7 vittorie ed 1 solo pareggio). Tutto sommato, però, negli scontri diretti tra le due squadre, il bilancio complessivo resta comunque positivo per i biancocelesti: in 83 confronti, la Lazio ha avuto la meglio 38 volte, a fronte delle 25 vittorie dei bianconeri e dei 20 pareggi.

La trasferta alla Dacia Arena resta comunque, e senza alcun dubbio, molto ostica. La squadra di mister Gotti, infatti, viene da 5 risultati utili consecutivi (2 vittorie casalinghe e 3 pareggi esterni). Inoltre, negli ultimi 3 impegni sul proprio terreno di gioco ha sempre vinto senza subire alcuna rete e tra le mura amiche non perde dal 10 gennaio scorso (2-1 a contro il Napoli).

Dal canto suo, la Lazio arriva a questa sfida dopo la sofferta, ma importantissima, vittoria casalinga contro il Crotone (3 a 2), ma deve fare i conti con tutta una serie di fattori importantissimi, che stanno condizionando, e non poco, la sua stagione. In primis c’è la questione di Ciro Immobile, che non segna da ben 5 partite consecutive (6, se consideriamo anche la sfida di andata di Champions League contro il Bayern Monaco). La scarpa d’oro, a riposo mercoledì nella trasferta in terra germanica, deve ritrovare la condizione e la via del gol. C’è poi la situazione difensiva: con le 37 reti incassate fino ad ora, infatti, la Lazio ha già quasi raggiunto quanto subito in tutta la stagione scorsa (42), quando conquistò il quarto posto e l’accesso alla massima competizione continentale per club. Se guardiamo le prime 7 in classifica, però, la difesa della squadra di Inzaghi non è certamente la peggiore, ma il divario è molto ampio se si confronta invece la differenza reti (un desolante +5): in pratica, quindi, è vero che la Lazio sta subendo tanto, ma è anche vero che non segna più come prima.

E questo lo si deduce facilmente anche dagli ultimi risultati ottenuti: dopo il filotto di inizio anno, infatti, la Lazio ha segnato appena 3 gol in 4 partite (senza considerare i 3 contro il Crotone), vincendone solo 1 di misura (contro la Sampdoria) e perdendone 3 malamente (contro Inter, Bologna e Juventus), subendo nel contempo ben 8 reti (più le 2 in casa contro la formazione calabrese all’ultimo turno).

Che sia una questione fisica (questa stagione, in realtà, numeri alla mano, è particolare un po’ per tutte le squadre) o mentale (immaginiamo che anche i fattori esterni, come il tanto pompato “caso tamponi” possano influire, e non poco, sulla serenità dell’ambiente), non possiamo affermarlo con certezza. Quel che è certo è che bisogna fare necessariamente qualcosa per invertire questa tendenza.

Vedremo in quel di Udine cosa accadrà…

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile torna al gol, doppietta contro il Benevento

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Rubriche