Resta in contatto

Giulio Cardone

Lazio-Bayern Monaco, le Cardopagelle: Marusic e Correa le note liete di una serataccia

Lazio – Bayern Monaco, i voti e i giudizi del direttore Giulio Cardone

 

Reina 5,5

La marea rossa manda in confusione anche il più esperto della banda. Stavolta impreciso con i piedi, ma gran parata su Coman per salvare il 5-1.

Patric 4,5

Non regge il confronto con Coman. E purtroppo su questo c’erano pochi dubbi.

Acerbi 5

L’autogol del Leone è la fotografia della serataccia biancoceleste, secondo me rovinata psicologicamente dall’errore di Musacchio. Si rialzerà subito, c’è da riprendere la corsa in campionato.

Musacchio 4

Per lui era un esame: bocciato. Quell’assist a Lewandowski orienta subito la partita, errore tremendo. Troppo veloce Sané per lui. Non a caso, viene sostituito prima dell’intervallo.

Lazzari 6

Duello a tutta velocità con Davies. Gli scatti di Speedy hanno creato una sola occasione veramente pericolosa, però merita un elogio perché ci ha provato sempre.

Milinkovic 5

Stecca nella serata più importante per lui, sul palcoscenico più prestigioso d’Europa. Partita strana, come se non l’avesse capita fin dall’inizio. O forse condizionata da quel rigore solare che l’arbitro non gli concede. Mi aspettavo un’altra prova dal Sergente.

Leiva 4,5

Purtroppo devo bocciare sonoramente Mezzasquadra. Ero convinto che se avesse fatto una grande partita lui, la Lazio avrebbe fatto bella figura, e viceversa. Ecco, viceversa.

Luis Alberto 5

Se sbagliano partita lui e Sergej, come puoi pensare di non affondare di fronte alla corazzata Bayern? Tradito dal nervosismo e dalla voglia di strafare, non si diverte e stavolta non fa divertire neanche noi.

Marusic 7

Il migliore della Lazio per distacco. È il più in forma della banda e si nota anche quando viene schierato stopper, prima di sinistra e poi di destra: recuperi prodigiosi e giocate efficaci. È la nota positiva di una serata da dimenticare: Inzaghi ha trovato lo stopper, ora non resta che aspettare Radu. Che ha già ripreso ad allenarsi. Con loro, la difesa sarà Marusic, Acerbi, Radu.

Correa 6,5

Intraprendente fin dall’inizio, è giusto che sia stato lui a segnare l’unico gol della Lazio, con una bella progressione: l’aria della Champions gli fa bene (terza rete), speriamo lo abbia rigenerato definitivamente, nonostante il pessimo risultato della squadra. E Neuer gli nega la doppietta.

Immobile 5

Ciro perde il duello con Lewandowski, certo supportato in ben altro modo dalla sua squadra. Alaba gli nega il gol, ma in generale non è stato il cannoniere implacabile di sempre. Terza partita di fila senza segnare, sabato a Bologna urge riprendere a colpire.

 Lulic 6

Un po’ di errori, ovvio, ma progressi evidenti rispetto a sabato. Compreso un assist a Immobile, con tiro salvato da Alaba. Forza Senad, siamo con te!

Escalante 6

Buona prestazione del vice Leiva, entrato con la giusta aggressività ma nello stesso tempo lucido nella distribuzione del pallone. Peccato per l’ammonizione.

Hoedt 6

Deve rinfrancarsi, dopo i recenti errori. Il fatto che la Lazio non abbia subito gol con lui in campo, è un inizio. Va sostenuto, punto.

Akpa Akpro  SV

 

Cataldi SV

 

Inzaghi 5

Piano gara distrutto dall’erroraccio di Musacchio. Però andare a pressare il Bayern, con quei palleggiatori sopraffini ovunque, si è rivelato un boomerang. Adesso dev’essere bravo a risollevare il morale della banda, che sperava in una serata ben diversa. E bisogna insistere su Marusic terzino, idea che sembra vincente.
26 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
26 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da Giulio Cardone