Resta in contatto

Rubriche

Lazio, gli auguri della discordia. Il karma colpisce ancora… #MicaMiStaBene

Mica...mi sta bene

Lazio, bravi a restare concentrati contro la Samp. Pellegrini? Il rigore negato alla Roma è frutto del karma… MicaMiStaBene

A cura di Micaela Monterosso

Karma: Termine che, nella religione e filosofia indiana, indica il frutto delle azioni compiute da ogni vivente, che influisce sia sulla diversità della rinascita nella vita susseguente, sia sulle gioie e i dolori nel corso di essa; sinonimo di destino, concepito però non come forza arcana e misteriosa, ma come complesso di situazioni che l’uomo si crea mediante il suo operato.

Abbiamo vinto. Risultato da non sottovalutare, vista la vigilia della partita di Champions, foriera – in passato – di nefasti risultati avversi. Non è stata una partita bellissima da vedere ma contavano i tre punti. Nient’altro. Ranieri si è detrigorizzato, negando l’esistenza del rigore su Quagliarella. Luis Alberto esulta senza litigare con nessuno, questa è una notizia. I commentatori a bordo campo gli hanno chiesto subito a cosa fosse dovuta l’esultanza (ormai c’hanno paura pure loro) ma stranamente, per una volta, era dedicata al figlio. Tenero lui. Al contrario di Marusic che sembrava gli avessero offerto la carbonara con la panna. Il faccia a faccia con Massa per il fallo (inesistente) lo ricorderemo. Daje Adam, così si fa! Ciruzzo un po’ sottotono, ma era il suo compleanno. Perdoniamolo.

A proposito di compleanno, tra le migliaia di messaggi di auguri ricevuti sui social, spiccano quelli di Pellegrini, capitano di Essi e suo compagno in nazionale. Non l’avesse mai fatto. I tifosi della sponda sbagliata del Tevere sono letteralmente impazziti. Tra striscioni esposti a Trigoria e dichiarazioni di guerra degne di Kim Jong-un (mancavano solo i missili nucleari pronti al lancio), il povero – in questo caso ci sta – Lorenzo si è visto declassare da Capitano a indegno, figlio di madre allegra e chi più ne ha, più ne metta.

A prescindere dalla follia di base – e qui bisognerebbe crescere un po’, tutti quanti – che ha portato alle esternazioni di cui sopra, ci tengo a ricordare che i giocatori sono sempre stati (chi più, chi meno) amici fuori dal rettangolo di gioco. Non è una novità. Voi non avete amici che tifano Essi? Io, purtroppo, sì. E devo anche ammettere che, finché non si parla di calcio sono anche simpatici. Non è una novità neppure il karma che influisce, punisce e colpisce proprio a indirizzo dei poveri, malcapitati, romanisti. Chi di Pellegrini ferisce, di Pellegrini (in fuorigioco) perisce.
È lui il protagonista dell’azione che ha visto negare alla Roma il rigore allo scadere della partita contro il Benevento (grazie Pippo!!!), in 10 uomini, tra l’altro. Non vorrei essere Pellegrini, in questo momento.

In questo momento, a dire la verità, mi piacerebbe pensare di poter andare allo stadio domani sera, a godermi “La Partita”. Non la più importante della stagione, intendiamoci, la più bella da vedere, sicuramente sì. Indipendentemente da come finirà (basta non prenderne 7), noi laziali, un Lazio-Bayern Monaco all’Olimpico ce lo meritavamo. La carica dei tifosi mancherà ai ragazzi e mancherà anche a noi, costretti a guardarla da casa. Volete mettere la soddisfazione di farsi venire un infarto in curva, invece che a casa sul divano? Dai, non è proprio uguale. Riaprite ‘sti stadi perché non se ne può più.

Ho già l’ansia di sapere chi sarà designato al commento tecnico della partita. Considerando che 8 su 10 sono soliti fare la cronaca dal trespolo, poter essere allo stadio e non essere obbligata a sentirli, sarebbe già una gran cosa. Mi appello alla società: mi portate con voi? Mi metto buona buona da una parte, non mi vedete nemmeno. Casomai, mettetemi vicino a Pulcini, nel caso mi venisse un coccolone…

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da Rubriche