Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Derby, Ruben Sosa: “Se segnavo alla Roma il macellaio mi offriva la spesa”

El Pampa

Derby, mancano due giorni alla stracittadina della Capitale: l’ex attaccante biancoceleste l’ha commentata a TuttoMercatoWeb.com

“Ovviamente spero vinca la Lazio (ride, ndr). Vincere un derby per i tifosi è come conquistare uno scudetto. Credo che i biancocelesti siano una bella squadra, la vedo bene, stanno crescendo alla grande”. A parlare è Ruben Sosa, ex attaccante biancoceleste, che a TMW ha parlato dell’imminente derby di venerdì:

La Lazio in campionato ha avuto tanti alti e bassi, la Roma invece sta andando bene ed è terza. I giallorossi sono favoriti?
“L’anno scorso lottava per i titolo, quest’anno è partita non benissimo. La Lazio però non si tira mai indietro, cerca sempre di vincere la partita attaccando, ovunque va, sia in casa che in trasferta. Nel derby non c’è un favorito, la classifica del campionato non conta. Dipende dai calciatori e poi ci vuole anche un po’ di fortuna”.

Con la Lazio hai segnato tre gol nel derby, sentendo il boato di un Olimpico che invece venerdì sarà deserto…
“È un calcio brutto, questo. È triste uscire dal tunnel degli spogliatoi, entrare in campo e non vedere nessuno. I tifosi trasmettono passione ed entusiasmo, anche se ormai ci siamo dovuti abituare. Il derby di Roma è molto atteso e speciale proprio perché te lo fa sentire la gente che abita in città. Ai miei tempi abitavo sulla Cassia e i giorni prima della partita contro la Roma il macellaio e il fruttivendolo mi dicevano sempre: ‘Se segni al derby ti regaliamo la spesa’. Nelle strade si respira l’ansia già dalla settimana prima, tutti giravano con le magliette delle squadre. Sono ricordi bellissimi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Beppe gol Il mio idolo…. Mi ha fatto impazzire Lo porterò sempre nel mio ❤️"

Immobile da record: staccato Signori nella Top 10 dei marcatori di Serie A

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News