Resta in contatto

Il meglio dei Social

A mente calda, dopo Lazio – Napoli vorrei poter tornare in discoteca

Con gli stadi chiusi, si sfogano a mente calda su Twitter le gioie e i dolori calcistici dei match della Lazio. E noi ve li raccontiamo.

La Lazio batte il Napoli e a mente calda la voglia di festeggiare questo evento è incontenibile. La seconda vittoria casalinga della stagione in Serie A viene accompagnata da un tripudio su Twitter.

C’è chi, in evidente crisi d’astinenza da serate in discoteca, vorrebbe un dj set di Gigi D’Agostino. Magari per remixare vecchi cori improvvisati in curva.

Attenzione però a non esagerare. È vero che i locali sono chiusi. Ma in quelli virtuali, dove la social-consumazione – che ti obbliga a postare la tua opinione a tutti i costi – è obbligatoria, tra un brindisi alla salute di Immobile e uno a Luis Alberto, finire a scrivere messaggi sui i gomiti è un attimo.

Vista offuscata per questo tifoso? Oppure anche lui non si è ancora convinto che stavolta non abbiamo preso gol all’ultimo secondo del primo tempo? Superalo il trauma, Massimiliano: abbiamo vinto, tranquillo. È tutto vero. Possiamo esultare.

Idee confuse

Non per tutti, però, la social-ebbrezza produce gli stessi effetti. A volte capitano perdite di memoria e incredibili scambi di persona.

Il miracolo

Nel frattempo, gli uomini di Inzaghi hanno infierito sul popolo di Napoli, già disperato da giorni perché San Gennaro non ha ripetuto il miracolo e il sangue non si è sciolto. In questo 2020 sciagurato, non poteva esserci presagio di sventura peggiore per i partenopei. Dopo essersi già inimicati San Paolo per avergli tolto lo stadio, ora anche il Santo Patrono sembra voltar loro le spalle. Ma qualcuno, a mente calda, forse ha trovato l’inghippo che ha fatto saltare la tradizionale ritualità religiosa…

Non gli bastavano i palazzi romani del potere calcistico. Claudio Lotito ha messo le sue grinfie anche sulla curia.

 

 

Qui per la puntata precedente:

A mente calda… Bah

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da Il meglio dei Social