Resta in contatto

News

Rosetti: “Giocare con le mani dietro la schiena è impossibile. L’arbitro deve interpretare il gesto”

Lazio - Udinese, arbitro Marco Di Bello Var

Rosetti parla dai tanti rigori concessi per fallo di mano

La Serie A appena finita è stata caratterizzata dal grande numero di rigori concessi per fallo di mano, molti dei quali discutibili. Di questo argomento ne ha parlato il responsabile della Commissione Arbitrale Uefa Roberto Rosetti ai microfoni di Sky: “Ci sono delle differenze di giudizio in base alle nazioni e alla loro cultura; quando queste sono sostanziali, però, tocca riflettere. Durante la pausa per la pandemia, insieme ai capi degli arbitri delle nazioni calcisticamente più evolute, abbiamo lavorato su delle linee di guida uguali per tutti. I giocatori non possono giocare con le mani dietro la schiena, l’arbitro deve interpretare la naturalezza del gesto”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

O

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

E non va bene interpretare. O bianco o nero ma che sia uniformato senza margini di dubbi una volta visto e rivisti con la var. Non possiamo vedere una domenica un rigore fischiato e la domenica dopo uno non dato con le stesse dinamiche perché è stato interpretato in un altro modo da un altro arbitro. Per altro in questo modo si alimenta di nuovo il sospetto della mala fede. Non è giusto ne serio per le società, per i tifosi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

L’arbitro non deve interpretare deve applicare sennò la partita la manovra a suo piacimento e penso che la maggior parte dei tifosi non si fidi per niente

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

E certo così l’arbitro favorisce chi gli fa comodo perché così hanno fatto sul finale de sto campionato a chi si e a chi no fate ridere avete rovinato il calcio

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News