Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio, tifosi preoccupati per la salute di Pradè: “Avrà dormito stanotte?”

Ds Fiorentina Daniele Pradé

C’è preoccupazione tra i tifosi della Lazio per le condizioni di salute del ds della Fiorentina Daniele Pradè. Non si sa se ha dormito stanotte.

Daniele Pradè mette in ansia i laziali. L’incertezza sulle sue condizioni di salute tiene col fiato sospeso i tifosi. I disturbi del sonno di cui di recente ha sofferto il dirigente quando ha incontrato la squadra biancoceleste, si potrebbero essere ripresentati in maniera assai più grave ieri sera, dopo Roma – Fiorentina. E l’assenza di dichiarazioni nel post partita non fa che aumentare la preoccupazione.

I sostenitori della prima squadra della Capitale, infatti, si sentono responsabili delle notti insonni dell’ex direttore sportivo giallorosso, oggi ai Viola. Come noto, le conseguenze della carenza di riposo possono essere anche molto gravi per l’organismo e nessuno degli aquilotti vorrebbe mai avere un tale peso sulla coscienza.

Un mese fa, dopo l’ormai famoso rigore concesso a Caicedo, costato la damnatio memoriae da parte della classe arbitrale all’ecuadoriano, lo stesso Pradè aveva avuto esternazioni furibonde verso l’arbitro Fabbri:

Gli episodi hanno determinato il corso della sfida – aveva detto ai microfoni di DAZN – Caicedo è stato furbo, non era rigore. Dragowski è infuriato, come lo siamo tutti! Chi riesce ad addormentarsi stanotte? C’è amarezza perché gli episodi ci hanno fatto perdere la partita”.

Memori di ciò, nessuno osa immaginare ieri, dopo il secondo tiro dagli undici metri fischiato da Chiffi a vantaggio della formazione di Fonseca, cosa possa aver passato il ds dei toscani. Sui social la domanda che a gran voce si sono fatti in tanti è stata: “Dormirà stanotte Pradè?“.

A oltre dodici ore di distanza ancora non c’è una comunicazione ufficiale. E i crucci dei laziali aumentano. Sussiste però un barlume di speranza a cui aggrapparsi. Vista la dinamica dei fatti e alla luce delle modifiche al regolamento introdotte proprio all’inizio di questa stagione, è probabile che in questo lasso di tempo tutta la dirigenza gigliata si stia concentrando su come presentare un possibile ricorso.

Gli atti di contestazione al giudice sportivo devono arrivare entro 24 ore. Perché perdere tempo per dichiarazioni davanti alle telecamere? Il ragionamento fila. Si scoprirà dunque in serata se l’apprensione per le condizioni di Pradè si rivelerà infondata o se, al contrario, sarà necessaria una colletta in Curva Nord per l’acquisto di fiale di melatonina.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Beppe Signori, per me 'Ronaldo bianco', è stato uno dei più grandi giocatori biancocelesti della storia; L'unica sfortuna di questo ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Tutto giusto cara Rita.... Anni IRRIPETIBILI e squadra INARRIVABILE"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Grande, antiromanista, unico"

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile fa 150 e la vetta è sempre più vicina…

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da Approfondimenti