Resta in contatto

News

Orsini: “Spero di vedere Milinkovic in avanti con Correa che si muove”

Le parole del giornalista Rai Stefano Orsini

Il giornalista Rai Stefano Orsini commenta a Radio Incontro Olympia la partita di domani Lazio-Milan: “Spero di vedere Milinkovic attaccante, con Correa che gli gira intorno. Loro avranno Ibra in avanti e tenderanno ad allungarsi ad un certo punto, conoscendo Pioli. Leiva? Bisogna essere molti attenti perché il ginocchio si gonfia subito e bisogna iniziare da capo; anche la distorsione di Cataldi è fastidiosa, oggi però si stanno allenando entrambi. La Lazio si sta aggrappando ai tre tenori Luis, Sergej e Ciro e al gruppo. Arrivare a giocarsi lo scontro diretto sarebbe molto importante. Lukaku? Ha fatto la differenza contro il Torino, il dribbling sul gol di Parolo è stata la chiave. La forma? Ha ancora alcuni problemi di cartilagine, ed è un peccato perché ha una strapotenza fisica eccezionale. Roma? Pesa molto la situazione societaria, poi Fonseca ha schierato la formazione B. Il problema è che ogni anno si stravolge la squadra, senza dare fiducia ai giocatori. La struttura dirigenziale della Lazio fa la differenza, ora però tocca fare il grande salto e dobbiamo vedere se ce la fanno. Kumbulla? Bel segnale, le cifre sono importanti. Inzaghi? Ho scritto anche un libro su di lui, sta dimostrando da tanto di essere all’altezza dell’ostacolo che deve superare. Riesce a fare grandi cose con una rosa anche senza pedine. Settore giovanile? Negli ultimi anni ha fatto tanto, sia per successi che per giocatori, è stato fatto qualche errore, ma ora sono sicuro che si riprenderà, spero con italiani. Lazio-Milan? Non c’è fretta, Pioli proverà a vincere e tocca infilarli quando saranno sbilanciati. Loro stanno bene, anche se sta dando meno, cerca punti per l’EL, ma con l’intelligenza si può vincere. Ripresa? Ho trovato incoerenza tra le tifoserie che chiedevano di non riprendere e poi vanno in giro a festeggiare.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News