Resta in contatto

News

Anche in Spagna esaltano il rendimento di Immobile

Immobile: "Bisogna dar voce a chi lavora nel calcio senza stipendi alti"

Il quotidiano spagnolo AS, sull’edizione on line, parla oggi di Ciro Immobile esaltando il suo super rendimento in questa stagione.

Anche in Spagna esaltano Immobile. Il rendimento del bomber laziale non passa inosservato. “È lui il favorito”, scrive il quotidano AS, nella versione on line, “a diventare capocannoniere del campionato”.

Sei gol di vantaggio su Cristiano Ronaldo, 25 totali. Una cifra, sottolinea il sito, che in 55 delle 88 edizioni passate è stata già sufficiente per vincere il titolo di goleador. E lui l’ha raggiunta in appena 21 giornate. Solo Angelillo nel 1959 aveva avuto lo stesso ritmo.

Ma non è tutto. Gli iberici fanno notare un altro dato eclatante. Con la doppietta alla Spal Ciro è diventato il miglior marcatore dell’ultima decade in serie A, con 123 reti, superando Higuain. L’attaccante, scrivono, ha ragiunto alla Lazio la sua piena maturità, trovando la dimensione ideale. Si sente leader di una squadra che quest’anno si sta rivelando inarrestabile.

 

Leggi anche:

Immobile, l’agente Moggi: “L’anno scorso no a offerte da 60 milioni”

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Vero….In Italia uno che fa tutti questi goal a metà campionato passa inosservato! Però viene osannato uno che segna x 6 partite di seguito!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Se era un Magico…titoloni sui giornali ma è della Lazio quindi passa in osservato in questa città accecata dalle grandi vittorie dei peperonici FORZA CIRO

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Immobile sei stratosferico!!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

PERCHÉ ALLA LAZIO SI SENTE COME A CASA SUA… IN FAMIGLIA. I NAPOLETANI SONO CASARECCI. CIOÈ AMANTI DELLE MURA DOMESTICHE. 🤔🤗👍

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

In Italia I giornali non lo esaltano. Lo ignorano. Non ne parlano. CIRO tanti nemici tanto onore.
In compenso i LAZIALI ti amano.
Portaci avanti alla grande

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Giornalisti rosiconi di m@@@a se giocava con i giallozozzi tutti i giorni c’erano titoloni sui giornali,comunque prima o poi scoppiate🤣🤣🤣

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

inchinatevi davanti al Re

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News