Resta in contatto

Consigli per gli acquisti

IL CONSIGLIO DEL FABREGAS – Pavlovic, l’erede dei campioni serbi

IL CONSIGLIO DEL FABREGAS - Pavlovic, l'erede dei campioni serbi

Ritorna la rubrica del nostro Fabrizio “Fabregas” Di Marco dedicata ai campioni del domani: il nuovo consiglio si chiama Pavlovic

­Lazar PAVLOVIC
Serbo
Nato il 2 novembre 2001
Centrocampista
Altezza: 171 cm
Partizan Belgrado

Carriera:

2011-2019 Giovanili del Partizan Belgrado
2019 Prima squadra del Partizan Belgrado: 8 presenze

In Nazionale:

2017 Serbia Under 17: 3 presenze (1 gol)
2019 Serbia Under 19: 3  presenze (4 gol)

Caratteristiche tecniche:

È il classico trequartista di stampo balcanico: molto bravo tecnicamente, abile nel dribbling, creativo, rapido negli spazi stretti e dotato di una spiccata personalità. Ha una visione di gioco periferica ed è in possesso di discrete doti balistiche. Ha le “stimmate” del leader. Deve però rafforzarsi fisicamente, migliorare nella continuità ed è carente nel gioco aereo.

Curiosità:

È stato promosso in prima squadra dal tecnico Savo Milosevic, ricevendo la maglia numero 10 e giocando tutti i 90 minuti nel pareggio contro il Radnicki il 15 maggio 2019. Ha contribuito così al raggiungimento del Partizan della finale di Coppa di Serbia e dopo tre giorni ha firmato il suo primo contratto professionistico con il club, vincolandosi per tre anni.

Farebbe comodo alla Lazio perchè…

Nell’analisi fatta nella precedente scheda del brasiliano Cabral, analizzo il fatto che la Lazio debba cominciare a ringiovanire il suo reparto di centrocampo in alcuni elementi un po’ avanti con l’età. Dunque  Pavlovic potrebbe essere uno di quei giocatori pronti da inserire in rosa; la personalità non gli manca e potrebbe rinverdire i fasti di un mercato come quello balcanico che, dalle stagioni gloriose dell’era Cragnotti a quelle attuali, ha portato a vestire la maglia della Lazio campioni del calibro di JUGOVIC, BOKSIC, MIHAJLOVIC, STANKOVIC e MILINKOVIC SAVIC.

 

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Consigli per gli acquisti