Resta in contatto

Consigli per gli acquisti

IL CONSIGLIO DEL FABREGAS – Cabral, l’erede di Parolo e Leiva

Fabrizio “Fabregas” Di Marco ci ha inviato il suo consiglio di mercato della settimana. La giovane promessa questa volta viene dal Sud America.

Daniel Cabral,
14 maggio 2002

Ruolo: mediano
Altezza: 175 cm.
Piede: destro
Club: Flamengo (2021)

Caratteristiche tecniche

Cabral è un mediano (o volante come viene definito il suo ruolo in Sud America) dotato di una buona visione tecnica di base, di una visione di gioco e di straordinarie capacità balistiche, pericoloso nei tiri dalla lunga distanza e su calcio piazzato.
Ama indietreggiare di qualche metro e ricevere la palla direttamente dai difensori, smarcandosi continuamente e palesando una spiccata personalità.
Punti di debolezza, deve migliorare il sinistro e strutturarsi fisicamente nei prossimi anni.

Carriera

SUDAMERICANO SUB 17
2019- PARTITE – 3
GOL- 0
ASSIST- 0
MONDIALE U.17
2019- PARTITE- 7
GOL- 0
ASSIST- 0

Farebbe comodo alla Lazio perché…

Partendo dal presupposto che stiamo parlando sempre di un 2002, bisogna comunque cominciare a pensare di ringiovanire un reparto di centrocampo, dove i vari Leiva e Parolo, cominciano ad andare un po’ avanti con l’età.
Certo, Cabral non potrà essere sicuramente un titolare immediato, ma a fronte di un’investimento di 3,5 mln, si acquisterebbe uno dei migliori prospetti del Sud America nel suo ruolo.

 

Qui il consiglio della settimana scorsa:

IL CONSIGLIO DEL FABREGAS – Doku, promessa belga

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Andrea
Andrea
8 mesi fa

Be’ da come si descrive è un buonissimo elemento,ma a 17 anni nn on vorrei FG ossevun altro pacqueta che a 18 anni sono state spesi 9 milioni più 4 di bonus e ocvi non vale più di joni.pertanto se fossi tare 3 milioni li metterò per portarlo in Italia ma no come Cipriano che non so che fine ha fatto a filo 18 anni pagato un milione difensore promessa mai visto se non ad auronzo.ma va be’ finché siamo terzi e possiamo stare a sei dall’Inter va tutto bene ma se scendiamo al 5 posto sentirete le bombe contro… Leggi il resto »

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Consigli per gli acquisti