Resta in contatto

News

Immobile a I Signori del Calcio: “Io e Inzaghi cresciuti insieme”

Lazio - Torino, Ciro Immobile e Simone Inzaghi

Domani su Sky la puntata de I Signori del Calcio sarà incentrata su Ciro Immobile. Ecco alcune battute dell’intervista fatta da Marco Nosotti.

Leader indiscusso della Lazio di Inzaghi, Ciro Immobile a suon di gol da 4 stagioni sta tenendo la squadra ai piani alti della classifica. Intervistato da Marco Nosotti, per la rubrica di Sky I signori del Calcio, il bomber biancoceleste ha parlato degli obiettivi stagionali, dei difetti da migliorare, dell’ambiente di Roma e dei tifosi.

L’intervista andrà in onda domani. Qui ve ne proponiamo alcuni estratti.

“Ci manca la continuità dei risultati. A volte non riusciamo a stare in partita sempre al 100%, capitano dei vuoti. Ma in una squadra matura, tosta, che vuole vincere, questo non può succedere. Ci manca solo questo per migliorare, perché come qualità di squadra non ci si può dire niente. E quando c’è voglia di giocare, la gente si diverte”.

“Mi piacerebbe arrivare in Champions. Le squadre quest’anno sono queste: la Roma, il Napoli, l’Atalanta. E noi ci giochiamo il quarto posto con loro. Ma la cosa più importante è la continuità. Solo così puoi andare avanti. Poi vorrei anche andare avanti in Europa League, perché una competizione che mi affascina”.

“Se parliamo di Roma come città, sinceramente me l’aspettavo peggio. Però vivendoci scopri una città meravigliosa, una delle più belle al mondo. La mia famiglia si trova benissimo. Sono soddisfatto di quello che sto facendo qui. Non era semplice raccogliere un’eredità importante come quella di Klose. Ci ho messo tigna, cattiveria e anche con un po’ di testardaggine per cancellare le annate passate. E poi ho trovato mister Inzaghi, che ha costruito una squadra su di me. Forse, se non avessi rispettato le aspettative, se non fossi stato all’altezza, le cose sarebbero andate diversamente. Io e il mister siamo cresciuti insieme: lui come allenatore, io come calciatore. Io sono maturato e lui sta cambiando tantissimo rispetto a quando abbiamo iniziato. È il quarto anno che lavoriamo insieme e lui sta crescendo proprio come allenatore. Entra nella testa dei giocatori, si preoccupa per noi perché ci tiene a creare un gruppo e ad avere rapporti con i giocatori all’interno degli spogliatoi. Cerca sempre di instaurare un legame con i calciatori più forti. Ci chiede se le cose vanno male, quali sono le cose da migliorare. Essendo giovane, riesce a relazionarsi molto meglio con noi rispetto a un allenatore più maturo. Anche il suo staff è molto preparato”.

Immobile fa anche un passaggio sul problema del razzismo nel calcio.

“Non c’e’ mai storia quando si parla di razzismo. Non c’è discussione a riguardo. Quando si parla tra persone, siamo tutti uguali. Questi dovrebbero essere oggi temi superati e invece, purtroppo, non e’ così. Non bisogna, però, condannare tutti. Noi dal campo, magari, sentiamo 10 persone che ne rovinano 50mila. È difficile estirpare quella minima parte, ma ci sono tante persone intelligenti, che riescono a sorvolare su queste cose e a vedere cosa offre realmente il calcio”.

 

Leggi anche:

Le pagelle dei quotidiani a Immobile: il migliore fra i biancocelesti

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

A che ora??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Era ora: abbiamo visto di tutto finora… 😉

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News