Resta in contatto

Approfondimenti

Celtic – Lazio, Cardopagelle: Caicedo formidabile, Correa spreca ancora

Lazio - Rennes, Felipe Caicedo

La sconfitta di Glasgow complica il discorso qualificazione per i biancocelesti. Vediamo insieme i voti e i giudizi di Celtic – Lazio

Ecco le mie pagelle per Celtic – Lazio.

Strakosha 6

Stringe i denti e gioca nonostante il dolore al gomito. Pensava di dover fare chissà quanti interventi, invece solo un’uscita bassa perfetta nel primo tempo. Non vedo colpe sui gol: forse poteva fare qualcosa di più sul primo, con la sua reattività super.

Bastos 6

Ripeto: deve giocare titolare sempre. Perché qualche errore lo commette, ma i salvataggi, i disimpegni e i duelli vinti sono molti di più. Confuso però sul primo gol del Celtic.

Vavro 6

Si è scoperto che il suo ruolo è questo: difensore centrale tra due stopper. Poco reattivo su Christie, doveva saltargli addosso prima del tiro letale, ma per il resto bene nelle chiusure e nelle letture. Certo non pensavo fosse così lento.

Acerbi 6.5

Funziona anche da stopper di sinistra. Il Leone è a suo agio nel clima di battaglia. Qualche errore di misura tra mille interventi puliti, intelligenti, decisivi.

Lazzari 7

Ecco il vero Lazzari: primo tempo formidabile, impreziosito dal gol che riscatta (parzialmente) l’errore di Cluj. Brillante anche nella ripresa, con l’assist a Parolo (sembrava gol, gran parata), a parte l’imprecisione nell’azione dell’1-1. Ora gli va data fiducia, la merita.

Parolo 5.5

Meriterebbe 10 per l’impegno, davvero eccezionale. Corre come un matto, però consente al suo uomo un assist facile per il gol di Christie e troppo spesso va in affanno, sbagliando passaggi e stop. Sfortunato sull’occasione creata per lui da Lazzari, il portiere del Celtic fa una paratona sul suo colpo da centravanti.

Leiva 7

Avvio complicato, poi torna Mezzasquadra. Un gigante in mezzo al campo, in copertura, cucitura, costruzione. Le tre C che esaltano il brasiliano di ferro.

Milinkovic 5

La delusione della serata. Me l’aspettavo dominante, invece lo vedo troppo lezioso. E in una battaglia del genere, non era proprio il caso. Spreca l’occasione del 2-1. Certo l’assist a Correa è una delizia, ma l’argentino sbatte sul palo. Forse il 5 è severo, perché avvia anche l’azione del gol, ma mi aspettavo tanto tanto di più.

Jony 5

L’impressione resta quella: non è un “quinto” e fatica a giocare in quel ruolo. Soliti ottimi cross, ma solo quelli.

Correa 5

Gran primo tempo, esaltato dal lancio perfetto per il gol di Lazzari. Ripresa da dimenticare, invece: subito due scelte sbagliate in contropiede, poi il palo che più che altro è un altro gol divorato. Da mal di fegato, perché è fortissimo ma sotto porta continua a smarrirsi.

Caicedo 7

Formidabile il Panterone. Non tira in porta, ma il resto è da urlo: sponde, contrasti, spirito, voglia, giocate. Va alla guerra e la vince, lui. Direi di puntare su Caicedo-Immobile, a questo punto.

Cataldi 6

Tiro fantastico all’ultimo secondo, solo un miracolo di Forster gli nega la gioia irrefrenabile del 2-2, peraltro meritatissimo.

Lulic 6

Il pasticcio che porta al corner del 2-1, la Lazio lo combina dall’altra parte. Lui si nota soprattutto nell’arrembaggio finale, senza fortuna.

Immobile 5

Non da lui quell’occasione fallita sull’1-1: stavo già esultando, invece palla colpita male e pallone fuori. Si riscatterà a Firenze, vero Ciro?

Inzaghi 6

Prepara bene la partita, dal punto di vista sia tattico che caratteriale. Perché la squadra si batte benissimo. Forse avrei inserito prima Cataldi, in gran forma, per lo stanchissimo Parolo. Sfumature. Non è colpa sua se attaccanti e centrocampisti falliscono occasioni clamorose. Che sfortuna, Simone, ma la tua Lazio ha fatto una bella figura nella bolgia del temutissimo Celtic Park. Mi piacerebbe tanto che all’Olimpico si potesse creare un clima simile, credo che la squadra avrebbe tanti punti in più, ma sono un illuso, un inguaribile sognatore.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
ANTONIO
ANTONIO
10 mesi fa

Un punto in meno a tutti e due in meno a Inzaghi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Voti reali tranne per Strakosha che merita 5.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Assolutamente d’accordo .
Caicedo migliore in campo fino al momento della sostituzione e sostituito nel suo momento migliore .
Sconfitta targata Inzaghi , sostituisce Caicedo e non Parolo , peraltro scoppiato dal 1′ minuto , con Cataldi permettendo così agli Scozzesi di caricare in massa gli ultimi minuti dopo aver subito tutta la partita .

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Approfondimenti