Resta in contatto

News

Diabolik, dopo l’incendio la panchina torna come prima – FOTO

Lazio - Roma, bandierone Diabolik

Un lumino caduto a terra, poi le fiamme: questa la causa dell’incendio che aveva bruciato la panchina dove Fabrizio Piscitelli era stato ucciso il 7 agosto

Tutto sistemato!“. Nella scorsa notte, aveva preso fuoco la panchina dove, lo scorso 7 agosto, Fabrizio Diabolik Piscitelli era stato freddato con un colpo di pistola alla testa. Le foto pubblicate su Instagram dalla Voce della Nord testimoniano come la situazione, al Parco degli Acquedotti, sia tornata quella precedente all’incendio.

Sul luogo, dopo il rogo, erano intervenuti sia la polizia che i vigili del fuoco: secondo quanto appurato da loro, l’incendio sarebbe divampato a causa di uno dei lumini, accesi ieri attorno alla panchina. Una candela sarebbe caduta a terra per il vento e da lì sarebbero divampate le fiamme, alimentate anche dalle tante bandiere e sciarpe che vi si trovavano legate.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Tutto sistemato!

Un post condiviso da LA VOCE DELLA NORD (@vdn_official) in data:

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Mo stamo tutti più sereni!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

So soddisfazioni

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Perché alla “gente” dà fastidio tutto!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Se ancora non ce credo

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News