Resta in contatto

News

Lazio, parla l’ex Mirra: “Acerbi è più forte di De Vrij”

Al canale radio ufficiale della Lazio ha parlato l’ex Vincenzo Mirra. Ecco le sue parole sui nazionali e sul prossimo impegno dei biancocelesti.

Questa mattina a Lazio Style Radio 89.3 è intervenuto Vincenzo Mirra. Ex calciatore biancoceleste e vice di Papadopulo nel 2004-05, ha parlato delle prestazioni dei laziali in nazionali e del prossimo impegno delle aquile contro la Spal.

Di particolare apprezzamento sono state le sue parole verso la prestazione di Immobile e Acerbi:

“Tutti i biancocelesti hanno fatto bene in nazionale. Questo permetterà loro di affrontare al meglio le prossime partite. Sono contento per Immobile, il suo stava diventando un caso. Speriamo che questo gol lo sblocchi mentalmente. Gli attaccanti vivono per il gol, quando sono in forma ne fanno tanti, poi riescono a fare cose incredibili. Lo ha dimostrato Ciro due stagioni fa. Acerbi è più forte di De Vrij, sta dando compattezza e personalità alla difesa di Inzaghi. È un difensore che parla molto ed è una cosa fondamentale per il reparto. Può essere un titolare anche della nazionale, ha dimostrato di saper far bene sia a 3 che a 4. Sa leggere benissimo le situazioni in anticipo. Quelli come lui fanno la differenza”.

Su Berisha e Milinkovic si è detto ottimista che possano tornare ad esprimere a pieno il loro vero potenziale e valore.

“Questa doppietta è importante per Berisha. Tornerà con l’entusiasmo a mille e sarà un vantaggio per lui, per Inzaghi e per la Lazio. Lui ha una buona gamba e potrebbe giocare anche da esterno sinistro nel 3-5-2, anche se lì le alternative non mancano. L’anno scorso per Milinkovic è stato particolare, conseguenza del mondiale deludente e i disturbi del mercato. Quest’anno la società è stata brava a chiarire le cose con lui. Ora è più sereno mentalmente. La differenza già si vede, è partito alla grande”.

In chiusura Mirra ha parlato delle possibili inside di Spal-Lazio e come i ragazzi di Inzaghi potranno superarle.

“Senza Lazzari loro hanno perso tanto. C’è però Di Francesco, che gioca come seconda punta attorno a Petagna, inserendosi in profondità partendo da dietro. La Lazio dovrà stare attenta: è la mossa tattica più pericolosa in mano a Semplici. Penso che, nonostante tutto, giocheranno ancora con in il 3-5-2. Loro hanno avuto due settimane piene per preparare la partita, ma non penso che cambieranno sistema per passare a 4 dietro”.

“Per quanto riguarda le scelte di Inzaghi, penso che Correa, pur tornando tardi dalla nazionale, andrà in campo senza problemi. Il campionato è appena iniziato, le gambe non sono pesanti. Inzaghi vorrà mettere i migliori in campo e l’argentino ha le caratteristiche per mettere in grande difficoltà la difesa della Spal. Non credo che il mister ci rinuncerà. Sono curioso di vedere anche Vavro, ma penso che non sia questa la partita adatta per inserirlo. Di Francesco, come ho detto, potrebbe rendergli la vita difficile e lo slovacco non è molto rapido. Avrà tempo per dimostrare il suo valore, non c’è fretta”.

 

Leggi anche:

Lotito sulla Salernitana: “Nessuna sinergia con la Lazio”

26 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
26 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

D’accordo al 70%

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Penso che siamo tutti d’accordo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

A ve ne siete accorti……

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Anche di molto !

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Questo lo abbiamo capito da tempo – Acerbi non è un Boia !!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Concordo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Confermo è stato sempre più forte, anche come personalità

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

grazie

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Grande Acerbone nostro ma de vriy chi?????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Acerbi è un grande giocatore ed un grande uomo??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sono d’accordissimo ????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non ci sono dubbi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Almeno è meno cacasotto…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Poco ma sicuro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Avoja!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non paragoniamo un uomo con un ingrato pezzo di sterco!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

D’Accordo! ??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Sono perfettamente d’accordo!!!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Acerbi è unico! ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Acerbi sempre

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

È anche un Uomo leale … al contrario di quell’essere irriconoscente

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

più completo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

E vero!!!!!!!!!!!!??

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

verissimo altro che l’olandese

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

De vrij forte e piu giovane ma era ed é una cristalliera..acerbi invece ha tutto!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

quello che Acerbi può avere in meno a livello tecnico, lo compensa abbondantemente con le qualità fisiche e caratteriali

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
Advertisement

Altro da News