Resta in contatto

News

Tare si confessa al Corriere dello Sport: “È l’anno bonus”

Igli Tare

Il Corriere dello Sport presenta oggi un’intervista al ds biancoceleste Igli Tare, che svela i piani di crescita della squadra quest’anno.

In prima pagina sia sull’edizione nazionale, sia in quella romana del Corriere dello Sport (foto sotto), Igli Tare si concede ad una lunga intervista. Il ds biancoceleste parla dei piani di crescita della squadra, degli obiettivi e spiega l’inserimento dei bonus scudetto nei contratti dei calciatori.

Negli anni è passato dall’essere il dirigente più accusato a quello più premiato, scrive il quotidiano. Nella sua vita si è sempre trovato solo contro tutti ed è abituato a combattere, per necessità o per destino.

“Premio scudetto in tutti i contratti perché abbiamo il dovere di crescere e di crederci, vale per la squadra, ma anche per i tifosi”.

Sui rapporti interni alla società ha detto:

“Siamo un team perfetto con Lotito, Inzaghi e Peruzzi. Sapevo che Simone sarebbe rimasto”

E anche sulla possibilità che si era aperta a inizio estate di andare al Milan la sua risposta è stata un atto d’amore per la Lazio.

“Ho detto no a Boban e Maldini. Ho deciso col cuore, non per i soldi”.

Il direttore sportivo è sicuro delle scelte fatte sul mercato. Non ha dubbi sul valore della squadra e si dice certo di una prossima consacrazione di Correa e dell’esplosione definitiva di altri elementi in rosa.

Abbiamo creato una Lazio più aggressiva, con più qualità e velocità, possiamo far male. Correa diventerà un grandissimo. Su Anderson puntiamo molto e Berisha, nell’ultima partita con il Kosovo è tornato quello che conoscevo. Vavrò è normale che sia rimasto male per le due panchine di fila. Il suo inserimento è graduale. Vedrete che giocherà partite importanti. Anche Lukaku può essere di nuovo utile”.

 

Leggi anche:

Lazio, l’importanza della conferma dei big per 5 giornalisti

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Buffone-cialtrone!!!

Gabriele
Gabriele
9 mesi fa

CERTIFICATA LA MEDIOCRITÀ E IL NON VOLER CRESCERE(la Champions NON deve essere un ossessione) …che amarezza…

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News