Resta in contatto

News

Lazio, l’importanza della conferma dei big per 5 giornalisti

Lazio, Sergej Milinkovic Auronzo

Lazio, ultimo appuntamento con le opinioni di 5 giornalisti scelti per commentare alcuni temi: oggi chiudiamo con le conferme dei big

Chiudiamo il nostro confronto con alcuni giornalisti e opinionisti vicini al mondo Lazio con l’ultimo appuntamento, dedicato alle conferme dei big durante il calciomercato estivo (qui le discussioni precedenti sugli acquisti, le mancanze della rosa e la griglia per la Champions).

Daniele Rocca (Il Tempo, Radio Incontro Olympia)

“L’averli tenuti tutti è la nota più positiva del mercato. Milinkovic? Rimarrà con la testa giusta e lo ha dimostrato nelle prime due partite. Non tanto perché abbia giocato bene, quanto perché è sceso in campo con la testa libera, dimostrando essere sereno. La sua forza è quella di giocare divertendosi. Non si è fatto coinvolgere dalle voci di mercato”.

Elmar Bergonzini (Radiosei, La Gazzetta dello Sport)

“Per me è importantissimo, è da 10 il fatto di aver confermato Inzaghi e tutti i big. Non è stata una scelta, perché Milinkovic sarebbe dovuto andare via, ma rimane comunque un’ottima soluzione”.

Luca Capriotti (Calciomercato.com)

“Fondamentale, il problema è che non basta. Lo dice la storia ultima della Lazio. Si parla molto di anno 0, locuzione azzeccata sia per il mister che per questi big, chiamati a riscattarsi dopo l’anno scorso. Dalle loro prestazioni, e non solo dalla permanenza, dipenderanno le speranze Champions”.

Valerio Cassetta (Il Messaggero)

“Molto importante la loro permanenza. Così la Lazio può lavorare sulla continuità. Non sono arrivate offerte soddisfacenti per i due giocatori, ma il fatto che la Lazio abbia fissato delle cifre alte per i loro cartellini li ha resi praticamente incedibili. Con la permanenza di Inzaghi sì è inteso lavorare nella stessa direzione degli ultimi tre anni e la società lo ha accontentato sul mercato. Lui stesso ha detto di essere soddisfatto della rosa che ha a disposizione. Insomma, una strategia condivisa”.

Marco Calabresi (DAZN, Corriere della Sera)

“Il più grande rinforzo della Lazio è proprio la conferma di Milinkovic. Il suo atteggiamento durante questa estate è stato esemplare: non ha minimamente risentito delle voci di mercato e ha iniziato la stagione da grande protagonista. Inzaghi sembrava alla fine di un ciclo e onestamente credevo che la sua storia con la Lazio fosse arrivata al capolinea, ma anche l’allenatore ha avuto il merito di ritrovare motivazioni all’apparenza perse”.

 

Leggi anche:

Lazio, Gazzetta: “Vavro attende il suo momento. Spal o Cluj per l’esordio”

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Gabriele
Gabriele
10 mesi fa

Questa è il rimpianto più grande. Aver confermato i Big della Lazio e non aver dato loro il supporto di altri giocatori di pari livello che avrebbero potuto agevolare la compagine biancoceleste a raggiungere la Champion League.
Peccato,sarebbero bastati due innesti.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News