Resta in contatto

Approfondimenti

Il Cholismo de’ noantri

Il Cholo Simeone

Ospitiamo – e ringraziamo per il suo contributo – Giuseppe Perrelli, capo dei servizi sportivi di Radio Capital.

Facile fare i cholisti con i calciatori degli altri. La parafrasi del modo di dire romano – splendido, greve, irriferibile – ben si accompagna a questi giorni scanditi dai sogni dei tifosi laziali (ma anche di quelli interisti) che, dopo aver visto Atletico Madrid-Juventus, sognano Simeone sulla panchina della loro squadra, di cui è stato da giocatore cuore e anima.

Merito, (anche) di una partita, quell’ottavo di finale di Champions, che ha travolto un imbarazzante luogo comune degli ultimi anni: «Simeone gioca male e fa giocare male gli avversari». Verissima la seconda parte, clamorosamente falsa la prima: Simeone ha combinato alla perfezione un non possesso feroce e asfissiante con un possesso rapido ma qualitativo, il più possibile verticale e mai fine a se stesso.

Un’alchimia che si fa magica anche (o soprattutto?) grazie a chi mette in pratica, sul prato verde, le idee del tecnico argentino: impenetrabile la coppia centrale difensiva uruguagia Godin-Gimenez; talentuoso ma efficace il lavoro a centrocampo di Koke e Saul, che in quasi tutte le altre squadre del mondo farebbe il fantasista; letale il gioco d’attacco di Griezmann e Diego Costa (e/o Morata).

Ed eccoci al punto: se togli Godin e metti Helander, ne vieni fuori l’assist involontario a Dybala e la vittoria della Juventus in casa del Bologna, che pure domenica scorsa l’ha affrontata con cholismo massimo.

Siete sicuri che con Simeone in panchina…

Lo stesso mostrato, il 27 gennaio, dalla Lazio, immeritatamente sconfitta all’Olimpico dai campioni d’Italia. Ecco, la Lazio. Quanta ferocia nella semifinale d’andata di Coppa Italia col Milan, la squadra italiana più in forma, in questo momento. Quanto spirito di sacrificio nella partita in casa del Genoa, giocata in un’emergenza che più emergenza non si può. Partite, queste tre, terminate con due sconfitte e un pareggio.

E via, tutti a parlare di quel cambio sbagliato e di quel modulo diventato un’ossessione. Che, per carità, ci può anche stare, perché alzi la mano chi non si è chiesto se non si possa abbandonare una difesa a tre che mai ha garantito l’imperforabilità della porta di Strakosha.

Ma qualcuno crede sinceramente che con Simeone in panchina i risultati – questi e quelli delle partite prima e dopo – sarebbero stati diversi? Chi risponde con un “sì” convinto, si ricordi quel greve modo di dire romano. Troppo facile, con Godin&Griezmann&gli altri. Troppo facile.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Radio capital è un covo di bruchi.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ma è laziale?

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Approfondimenti