Resta in contatto

News

Derby, Parolo lo vive così: “È una partita che ti prosciuga!”

Lazio, Marco Parolo

Derby, Marco Parolo spiega la magia di Lazio-Roma a Dazn.

Il countdown per il derby è ufficialmente scattato, sabato alle 20.30 (orario confermato dalla Prefettura) l’Olimpico indosserà il vestito della stracittadina.

In vista di un Lazio-Roma che vale lo scontro Champions, Marco Parolo ha spiegato come vive questa partita davanti alle telecamere di Dazn (che trasmetterà il match). Ecco le parole del centrocampista e vice capitano biancoceleste:

“Nella settimana del derby a Roma cambiano gli occhi delle persone. Si trasformano, diventano adrenalinici, qualcosa di molto intenso. Quando poi vieni a vivere qui, in qualche modo lo fai tuo”.

“Se fossi un tifoso…”

“È una partita che ti prosciuga. Se fossi un tifoso, a fine partita avrei bisogno di tre giorni di riposo”.

“Non puoi capire la città se…”

“Non puoi capire la città se non vivi almeno una stracittadina. E poi c’è la speranza, quella di vincere ovviamente”.

Con i compagni romanisti di Nazionale

“In quella settimana non si sente nessuno. Ci si saluta a fine partita, poi succede sempre che chi vince va a salutare quello che perde, che chiaramente non ha voglia di salutarlo”.

Lo scambio di maglie

“Io sono un po’ reticente a farlo in campo. Preferisco farlo negli spogliatoi, sotto la curva preferisco andare con la maglia della Lazio”.

Mental coach per una gara così?

“Non ho mai pensato di usare una figura del genere. Ho fatto un mio percorso, ho vissuto alti e bassi e ho avuto la forza di capire i miei errori e il perché li abbia fatti. Alla fine devi fare delle grosse analisi su te stesso, confrontandoti con allenatori e giocatori più esperti, perché poi in campo devi rispondere tu delle tue azioni, non puoi appoggiarti a una figura esterna”.

“Ricordo, nel primo anno di Pioli…”

“Critiche? È giusto che la gente critichi, fa parte del nostro mondo, ma tu devi saper tenere un tuo equilibrio. Ricordo, nel primo anno di Pioli, contro la Sampdoria in casa, durante il riscaldamento avevo sentito qualche fischio per dei tiri fuori, poi in partita ho segnato e a fine stagione sono arrivato a 10 gol. Sono momenti in cui devi saper tirare fuori qualcosa in più”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

che ti stende che ti contorce lo stomaco che non ti fa respirare che ci devi stare forza lazio

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News