Solo La Lazio
Sito appartenente al Network

Lazio – Celtic, le Cardopagelle: ciclone Ciro, Gila e Guendouzi da applausi

Lazio - Celtic, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio Cardone

 

Provedel 6,5

Un brivido nel primo tempo, dove deve ringraziare Patric. Poi un paio di interventi nella ripresa per tenere al sicuro la porta.

Lazzari 7

Moto perpetuo sulla destra. Si intende alla perfezione con Isasken e non fa correre nessun pericolo dal suo lato.

Patric  7-

Brivido finale per un abbaglio dell’arbitro (voto 4), anche se lui poteva comunque evitare di appoggiare le mani in quel modo sull’avversario. Provvidenziale nel primo tempo su Furuhashi, ma un segno negativo per i troppi lanci e appoggi sbagliati in uscita col pallone

Gila 7,5

Tanta personalità e un’ottimo senso della posizione. Incredibile che giochi così poco da un anno

Marusic 7

Spinge tanto e si sovrappone con costanza per supportare Anderson. Tiene bene nell’1vs1 contro un cliente scomodo come Yang.

Guendouzi 7,5

Onnipresente in tutte le zone del campo. Mette in apprensione la difesa del Celtic quando si muove al limite dell’area ed è sempre il primo a rincorrere qualunque avversario riparta con il pallone.

Rovella 5,5

Confusionario e falloso. Più volte con interventi fuori tempo ha concesso calci da fermo agli scozzesi da posizioni pericolose.

Luis Alberto 6,5

Finché ha energie lui la Lazio è arrembante in zona offensiva. Purtroppo dura solo un’ora, nella quale non riesce a lasciare il segno, nonostante diverse giocate illuminanti. Curioso che nel momento in cui si gira verso la panchina a chiedere il campo, Pedro ne approfitti per innescare Isaksen con un lancio, dando via all’azione del vantaggio.

Felipe Anderson 5

Lento e compassato non solo nei movimenti e nelle giocate, ma anche nel pensare a ciò che deve fare in campo. Per questo fa perdere spesso i tempi di gioco a tutto il reparto offensivo

Castellanos 6

Ronza come una mosca attorno ai difensori del Celtic mettendoli costantemente in difficoltà con il suo pressing. Con i suoi movimenti crea anche tanto spazio per i compagni di reparto.

Isaksen 7,5

Sfrutta bene la chance dall’inizio concessa da Sarri. Tante iniziative personali nelle quali ha creato spesso situazioni interessanti. Ultima in ordine cronologico, ma prima per importanza, quella palla scodellata a Immobile per il gol del 2-0 che ha chiuso i conti. Peccato solo per il gol mangiato in avvio di ripresa su imbucata di Anderson.

Sarri 6,5

La crisi offensiva della Lazio non può dirsi risolta, ma oggi almeno è tornato a vedersi un gioco arrembante per 90 minuti. La scelta di puntare su Isaksen dal 1′ ha pagato, così come quella di insistere su Guendouzi e di rispolverare Castellanos. Tatticamente la gara è stata preparata bene, anche se alla fine, per risolverla, è servito l’intervento del sempriterno Capitan Ciro.

Kamada sv

Pedro 6-

L’azione dell’1-0 nasce da una sua apertura perfetta per Isaksen. Evitabile invece l’ammonizione nel finale.

Cataldi sv

Immobile 10

Due palloni giocati in area e due gol, per risolvere una partita che stava prendendo una brutta piega. Trascina la squadra fuori dalla palude delle critiche di questi giorni e dimostra ancora una volta, a chi lo dà per finito, che il re è più vivo che mai.

 

Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Andrea
Andrea
2 mesi fa

Il problema di Gila è quando ha la palla tra i piedi!

Ruggero
Ruggero
2 mesi fa

Avanti cosi Testa bassa e Sudore,nel calcio conta il risultato,il bel gioco verrà,Rovella gli avrei dato 6 ,ha dato il massimo ,se a volte non si riesce l’importante è sempre provarci
Daje

Fabrix
Fabrix
2 mesi fa

Mi ha sorpreso Gila. Mi ha deluso Rovella. Mi tengo il risultato e la qualificazione agli ottavi. C’è ancora molto su cui lavorare

Aquila 68
Aquila 68
2 mesi fa

Come già avevo scritto, ma repetita juvant, Gila è nettamente il miglior difensore puro di questa squadra, ma qualcuno evidentemente ha bisogno di 2 anni per accorgersene. Rovella purtroppo mostra tutti i suoi limiti, sia tecnici che fisici. Certo a vedere chi ha preso il Milan a centrocampo e chi ha comprato la Lazio viene da piangere. L’ avversario era scarso, per cui voliamo basso. Felipe e Luis sembrano spremuti. Bene Isaksen, ha bisogno di giocare di più. Ciro immenso, sembrava di vedere una partita di due anni fa.

Articoli correlati

Lazio - Bologna, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio...
Lazio - Bayern Monaco, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore...
Cagliari - Lazio, i voti e le pagelle dei biancocelesti a cura del direttore Giulio...

Dal Network

È un Gian Piero Gasperini molto soddisfatto quello che analizza il successo scoppiettante della sua...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Zvonimir Boban, ex “Head of Football” presso l’UEFA, ha annunciato le sue dimissioni irrevocabili...

Solo La Lazio