Resta in contatto

News

Lazio, Sarri: “Lazzari? In alcune gare può giocare da esterno alto”

Lokomotiv Mosca-Lazio, le parole di Sarri nel post gara ai microfoni di LSR

Ecco le sue dichiarazioni: “Per il girone era una partita fondamentale. Ho parlato con i ragazzi ieri sera e stamani, non solo dell’importanza della gara ma anche della differenza tra le nostre prestazioni in casa e fuori. La Lokomotiv ha disputato un primo tempo aggressivo a tratti anche falloso nella ripresa siamo stati bravi a sfruttare gli spazi, anche se abbiamo sprecato un po’ troppo. Pedro difficilmente sbaglia queste partite. Parliamo di un grande calciatore. Sono felice sia per il risultato ma anche perché sia Pedro che Felipe Anderson hanno giocato solo 45 minuti. Questa vittoria ci darà fiducia, ma come dico sempre dobbiamo trovare continuità. Lazzari? Ha bisogno di spazi e in quel momento della gara poteva tranquillamente giocare lì. Quando ci sono questi spazi può giocare in quel ruolo”.

Il tecnico biancoceleste ha parlato anche a Sky: “Durante il primo tempo la pressione del Lokomotiv è stata forte e in più è stato molto falloso. Non era facile venire fuori però poi, col vantaggio, la partita si è messa in discesa: ci hanno concesso spazio e lo abbiamo sfruttato. Pedro? E’ fenomenale quando ha queste serate. Può cambiare le partite. La qualità fa sempre la differenza, a prescindere dall’organizzazione di squadra. Europa League? Abbiamo fatto 5 cambi rispetto a sabato, ma la formazione era comunque competitiva. Hanno giocato bene Patric, Basic, Zaccagni e Immobile. Perciò sono arrivate buone notizie da questa partita. Questa partita era decisiva. La qualificazione è arrivata, ma vogliamo il primo posto per l’accesso diretto agli ottavi di finale. Napoli? Non ho nessun batticuore per domenica, forse lo avrò per i miei giocatori pensando a come usciranno da questa partita. Per me Napoli non sarà mai una partita normale. Ora però dobbiamo recuperare le energie in fretta”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da News