Resta in contatto

Nostalgia Chinaglia

Caicedo a Radiosei: “Col Cagliari il gol con cui ho goduto di più. La Lazio la mia storia più importante”

Caicedo e la sua nazionale: "Abbiamo bisogno di lui"

Intervista esclusiva ai microfoni di Radiosei di Felipe Caicedo. Il panterone ha parlato con guido De Angelis degli anni con la Lazio.

Ai microfoni di Radiosei 98,100 questa mattina è intervenuto Felipe Caicedo. Durante la trasmissione condotta da Guido De Angelis, l’ormai ex attaccante della Lazio, da poco trasferitosi al Genoa, ha ripercorso alcuni episodi degli anni in biancoceleste.

Alla Lazio momenti bellissimi e ricordi straordinari, che rimarranno sempre nel mio cuore. Tutti i gol che ho fatto sono stati da brividi. Contro il Cagliari però è stato quello in cui ho goduto di più. Significava un’altra vittoria di fila e ci teneva attaccati alla Juventus in quel momento.

Mi piace ricevere messaggi dai tifosi della Lazio e rispondere alle dimostrazioni di affetto. Penso che ci debba sempre essere disponibilità verso la gente anche per rispetto. Mi hanno sempre dato una spinta in più e quindi io quando posso rispondo anche per ringraziarli. L’affetto me lo hanno sempre dimostrato in ritiro, a Roma. Io ringrazio perché la Lazio è stata la mia storia più importante. Fa piacere essere amato quasi come Ciro, che sta facendo la storia del club.

Non conoscevo la canzone che i tifosi cantavano col mio nome (“Faccio un casino” di Coez, ndr), ma ormai è diventata la mia canzone ufficiale. Roma per la mia famiglia è diventata la nostra seconda casa. Mia moglie anche sui social ringrazia e ricambia sempre l’affetto dei tifosi”.

Quando gli viene chiesto se nel 2020 la squadra ci credeva davvero allo scudetto, come lui stesso aveva detto durante una festa con la squadra, il Panterone non ha dubbi:

Non sono solo io a dirlo. Penso che la pandemia ci ha colpito nel nostro miglior momento. Eravamo affamati e in fiducia. Tutti ci credevamo, nessuno più di noi. Senza pandemia lo scudetto lo vincevamo sicuro“.

In chiusura ancora parole di ringraziamento per il sostegno ricevuto in questi anni: “A tutti quelli che hanno sempre sostenuto me e la mia famiglia dico «Amami o faccio un Caicedo, per sempre!»“.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Lo conobbi al mare ad Anzio, proprio l'estate dello scudetto. Stava con tre amici su una 126 avana che praticamente gli faceva da cappotto. Io ero un..."

#CountdownToHistory, Immobile a un passo da Piola

Ultimo commento: "E pensare che c'è chi lo discute..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Tutto giusto cara Rita.... Anni IRRIPETIBILI e squadra INARRIVABILE"

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

Altro da Nostalgia Chinaglia