Resta in contatto

News

Lazio, ‘Diamo i numeri’: Sarri, gli esordi e il ritorno al passato a Empoli

Lazio, inizia il campionato e torna la rubrica con i numeri, le curiosità e le statistiche sulla giornata in arrivo

Di Daniele Caroleo

“Ritorno… al passato”: quasi certamente, il giorno dell’uscita dei calendari della Serie A, molti di noi avranno pensato qualcosa del genere alla luce dell’accoppiamento della prima giornata, tra la nuova Lazio di Maurizio Sarri e l’Empoli. Quello stesso Empoli che, nella 2014/2015, fece conoscere i primi sprazzi del cosiddetto “Sarrismo”. E che ora si troverà ad affrontare il suo ex allenatore per la quinta volta in Serie A: gli altri 4 incroci, quando il tecnico era al Napoli, si sono svolti nelle stagioni 2015/2016 e 2016/2017 e hanno un bilancio finale di 3 vittorie dei partenopei ed un solo pareggio, ottenuto nella prima di queste sfide (2-2, il 13 settembre 2015, ad Empoli).

Negli esordi in A dello stesso Sarri, invece, il bilancio risulta equilibrato, con 2 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte (nel debutto assoluto, in occasione della prima stagione con l’Empoli, perse 2-0 contro l’Udinese). Ai fini statistici, per altro, ci sarebbe da considerare anche la vittoria all’esordio in Premier League, sulla panchina del Chelsea: un netto 3 a 0 in trasferta contro Huddersfield Town.

Al Castellani, sulla panchina dell’Empoli, ci sarà seduto Aurelio Andreazzoli, che proprio contro la Lazio ha forse centrato il momento più triste della sua carriera da allenatore: il 26 maggio del 2013, infatti, era lui il tecnico della Roma che perse il derby nella finale di Coppa Italia. Oltre a quella sconfitta molto amara (per lui), i precedenti dell’ex allenatore giallorosso contro la Lazio non gli sorridono di certo, essendo riuscito a collezionare appena un pareggio (con la Roma) e 2 sconfitte (alla guida dell’Empoli e del Genoa).

Nel complesso, la formazione biancoceleste ha già avuto modo di affrontare l’Empoli (tra campionato e Coppa Italia) 26 volte in passato, ottenendo 15 successi a fronte di soli 6 pareggi e 5 sconfitte. In terra toscana, il bilancio è certamente un po’ più equilibrato, con 5 vittorie per parte e 3 pareggi, ma la Lazio viene comunque da 5 successi consecutivi contro la formazione empolese (l’ultima, il 7 febbraio 2019: 1-0 con gol di Caicedo allo Stadio Olimpico).

Capitolo a parte, infine, per il bilancio della squadra biancoceleste nelle partite di esordio in campionato: in 78 partite, la Lazio ha vinto 25 volte, ha pareggiato 29 e perso in 24 occasioni (curiosità: anche i gol fatti e i gol subiti nella prima giornata si equivalgono incredibilmente, con 103 reti all’attivo e al passivo). E se prendiamo in considerazione solo gli esordi lontano dalla Capitale, la questione non cambia moltissimo, con 11 vittorie, 15 pareggi e 13 sconfitte.

In tutti i casi, sabato si riparte con la nuova stagione calcistica, con tante aspettative e molte novità. La più importante, forse, è quella che riguarda gli spalti, dove finalmente si potranno rivedere nuovamente gli spettatori (seppur, momentaneamente, ancora in quantità limitata). Un piccolo passo verso il tanto auspicato ritorno alla normalità, dopo i tanti, troppi, numeri e dati negativi (no, ovviamente non parliamo di calcio) di questi lunghi mesi.

Che tutto questo possa essere una sorta di “ritorno al passato” in senso positivo, sotto tutti i punti di vista..

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement

Altro da News