Resta in contatto

Approfondimenti

Lazio, Felipe Anderson: ecco la prima freccia nell’arco di Sarri

Lazio, il ritorno del brasiliano conferma l’idea del tecnico

In casa Lazio ieri sera si è aggiunto un posto in più: quello di Felipe Anderson. Il brasiliano, a distanza di tre anni dal suo addio, ritorna nella sponda biancoceleste della Capitale, pronto a tornare a splendere. Le sue esperienze al West Ham e al Porto sono state deludenti, ma Sarri e la Lazio hanno deciso di dargli una seconda opportunità, approfittando anche di un costo praticamente pari a zero. Come confermato in conferenza stampa, il nuovo allenatore ha sempre apprezzato le doti del brasiliano, sottolineandone però anche le difficoltà nella continuità. Questo acquisto però rende ancora più chiare le intenzioni del tecnico in merito al modulo da utilizzare: il 433.

433 – Questo schieramento è ormai il marchio di fabbrica di Sarri, pronto ad essere replicato anche in questa nuova avventura. Se in questi giorni di ritiro il tecnico si presterà particolare attenzione alla difesa, abituata allo schieramento a tre, non verrà affatto trascurato il tridente. L’arrivo di Felipe Anderson offre a Sarri l’opportunità di avere un giocatore abile nell’uno contro uno, bravo a creare la superiorità numerica e pronto a far male con le sue accelerate improvvise. Adesso tocca capire chi coprirà l’altra fascia, Correa è in uscita, Lazzari verrà provato come terzino, stesso discorso per Marusic; prevedibile un altro intervento sul mercato.

PIANO B – Non è detto che il tecnico si affiderà esclusivamente a questo schieramento. Felipe Anderson negli anni si è dimostrato anche un ottimo trequartista, bravo nel trovare l’ultimo passaggio o il tiro da fuori. Tra le linee può far male, non sarebbe assurdo trovarlo come trequartista nel 4312, in appoggio a Immobile e un altro attaccante.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Ultimo commento: "sformavo i suoi scarpini PUMA"

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Ultimo commento: "Noi tifosi non conosciamo mai bene un giocatore sotto il profilo umano e personale. Né si può giudicare la vita privata di nessuno tantomeno di un..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti