Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Editoriali

Sarri la medicina migliore per guarire dopo la brutta figura

Dopo l’addio a Inzaghi la scelta migliore per il futuro della Lazio è puntare su un grande nome come Maurizio Sarri.

È stata una settimana complicata. Sono stati sette giorni difficili dove le emozioni si sono contrastate tra loro: attesa, dubbio, gioia, delusione… per poi ricadere nel dubbio. Il dubbio di chi sarà il nuovo allenatore della Lazio per la prossima stagione perché da quel nome si scatenerà un effetto domino sulle aspettative che potrà avere il tifoso laziale nel breve futuro.

Il thriller Inzaghi lascia degli strascichi, inutile negarlo. Ma a mente fredda, probabilmente si può ragionare dire che nessuna delle parti avesse intenzione di proseguire. Lotito ha avuto 13 mesi per proporre un’offerta seria al Mister. Non lo ha fatto, se non forse l’ultimo giorno. Viceversa, Inzaghi è stato professionale fino “all’ultima cena” per poi trovarsi coinvolto nel “tradimento”, per un sorriso.

Ma come si fa a dare del traditore a Inzaghi dopo che non ha ricevuto offerte serie dalla Lazio nemmeno dopo il quarto posto ottenuto? Dopo essere rimasto appeso per un anno e aver urlato fino all’ultimo minuto dell’ultima partita?

In ogni caso, le voci su Sarri danno man forte a quanto sospettato: se la Lazio può mirare a un target così prezioso e alla moda, allora gli strumenti per tenere Inzaghi c’erano. E’ vero che Lotito può fare la parte del Re ferito che per reazione allora rilanciare sul nome più importante su piazza ma se i soldi ci sono, ci sono per tutti. Bisogna vedere a chi si è disposti a darli.

Diverso sarà se la Lazio dirottasse su un nome meno affascinante. Oltre a Mihajlovic – col quale si continuerebbe la linea di ex giocatori – gli altri nomi non hanno legami particolari con la piazza e non rubano certo l’occhio, nonostante possano restare profili interessanti.

Il problema è chi glielo spiega al tifoso biancoceleste che nel post Inzaghi, quando si dovrebbe ri-puntare alla Champions, la Lazio presenta Italiano (esempio), ottimo emergente allenatore ma con un solo anno di A alle spalle? Senza considerate l’effetto Mourinho – il che potrebbe essere un bene, conoscendo gli altri che vivono in questa città.

Il tempo ci dirà la verità e qui sorge un altro problema: conoscendo i tempi di cottura di Tare e Lotito, la scelta dovrà avvenire accorciando un po’ le pratiche. La rapidità di esecuzione di Roma, Juve, Inter e Napoli mettono in imbarazzo i casting infiniti dello staff di Formello. Per cui, su chiunque si punti, lo si facesse velocemente e con determinazione, potendo quindi procedere spediti nella campagna acquisti.

Certo, rispondere con Sarri dopo la brutta figura fatta, sarebbe forse l’unico inizio che farebbe accettare di buon grado la vicenda Inzaghi. Ma il mercato è famelico, sbrighiamoci!

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da Editoriali