Resta in contatto

News

Napoli – Lazio, Farris: “Su Milinkovic non è mai rigore. Champions? Non possiamo arrenderci”

Il vice allenatore di Simone Inzaghi ha commentato così Napoli-Lazio ai microfoni di Sky Sport

Ecco le sue dichiarazioni: “Non può e non deve compromettere nulla questa sconfitta. Lunedì dobbiamo giocare col Milan e abbiamo il bonus della gara col Torino. Non possiamo arrenderci dopo la rincorsa che abbiamo fatto: 16 partite, 12 vittorie. Episodi? Ci sono state 2 partite: la prima è quella che dura 5 minuti fino all’episodio del rigore. Io ho giocato poco in Serie A e nelle altre categorie, visto che ho avuto la possibilità di rivedere le immagini, come ha fatto l’arbitro, Milinkovic prende la palla e le immagini lo confermano. Quando giocavo io, se l’attaccante abbassava la testa, gli veniva fischiato fallo contro. Il gioco di pericoloso di Sergej non esiste. Poi la seconda partita sarebbe dovuta iniziare col rigore per noi su Lazzari e l’espulsione su Hysaj. Quando hai determinati giocatori in campo, fai determinate scelte e cerchi di portarle avanti. Sembrava che la squadra fino a quel momento potesse reggere, poi i cambi hanno dato freschezza alla squadra. Poi i due gol hanno dato quella spinta emotiva che serviva. Detto questo il Napoli ha giocato una bella partita, con Insigne che ha fatto un bel gol, ma noi non abbiamo difeso bene. Le statistiche e i numeri ci dicono che abbiamo attaccato parecchio. Abbiamo preso anche un palo con Correa. Se avesse segnato subito, la spinta psicologia avrebbe potuto cambiare la partita. L’altro giorno il Benevento ha preso forza dagli episodi proprio così. Stasera noi non siamo stati cinici e invece il Napoli è stato feroce. Carattere della squadra? Dal 4-0 siamo passati al 4-2, quindi la squadra ha molto carattere, malgrado il quinto gol preso. Inzaghi? Speriamo che torni presto. Il comandante deve stare al suo posto”.

Massimiliano Farris è intervenuto anche ai microfoni di ‘Lazio Style Radio’“Ci sono spunti positivi in un risultato fortemente negativo e pesante. L’episodio del rigore poteva essere tranquillamente a favore nostro e ci avrebbe dato la superiorità numerica. Poi si entra in una situazione difficile contro una squadra forte che lotta come noi per la Champions e sul 4 a zero rischiavamo la debacle totale. Abbiamo reagito, ma il quinto gol ha tagliato le speranze. Ora però dovremo tornare a lavorare e continuare a crederci”.

“Il primo episodio l’ho visto chiaramente e per me non può mai essere rigore. Quando giocavo io se abbassavo al testa mi davano fallo contro. Perdere uno scontro diretto così  non mi sta bene, ma la nostra corsa non è finita assolutamente”.

“Nel secondo tempo abbiamo provato a mettere dentro forze fresche, perché ora ne abbiamo subito un’altra e dovevamo distribuire le energie. Chi entra deve far vedere che c’è, fa parte del gruppo e ha voglia di reagire. Noi abbiamo trovato la forza anche grazie ai cambi di provare a riaprirla e questo è positivo. Da domani mattina saremo pronti a lavorare per il Milan”.

30 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
30 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
12 giorni fa

Rileggi il regolamento e cer a di capirlo! 🤣🤣

Commento da Facebook
Commento da Facebook
12 giorni fa

Quello che dice Farris è vero ai tempi era punizione per la Lazio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

Con la gamba alzata in gioco pericoloso sulla tempia dell’avversariooooòo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

invece di commentare datti all’ippica pensavi di caricare a napoli come con crotone e benevento? pirlaaa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

Mister metti un portiere che para non un portiere che va x farfalle !!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

Si però neanche si può prendere in giro il tifoso laziale, come puoi andare in champions quando hai preso tutti quei gol che non succedeva da 60 anni, quando giochi con dei giocatori fuori ruolo e dei giocatori sopra i 35 anni che non arrivano a fare più di 3 partite perché problemi fisici, come fai a giocare poi con dei giocatori acquistati in estate che neanche in serie B giocherebbero come possiamo sperare al quarto posto bisognerebbe essere realisti e ammettere i sbagli e prendersi ogni uno le proprie colpe a partire dal grande DS che viene sempre osannato… Leggi il resto »

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

Il problema degli episodi è questo, mascherano le realtà.. !! corri di più, sii all’altezza e ” nun piagne ” le vittorie arrivano .. Se ci sediamo a pensare a quello che sarebbe potuto succedere …. ” STAMO FRESCHI ” … Sempre Forza Lazio …

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

È vero era sempre fallo di chi abbassava la testa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

La Lazionale ultimamente inizia a creare problemi x i posti in Champion league, aspettatevi il peggio già da lunedì prossimo….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

Quando giocavo io da difensore questo era per fare conoscenza , e l’attaccante chiedeva scusa. Altri tempi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

BOIA CHI MOLLA.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

No no non è un furto,no vr sta bene la vecchia signora….😆🍾🥇

Commento da Facebook
Commento da Facebook
13 giorni fa

Dite a Farris che quando un piede arriva alla testa dell’avversari,’ stando con l’altro a terra, è fallo tutta la vita’ figuriamoci a più di 1,70 metri. Gli allenatori dovrebbero sapere i regolamenti.

Riccardo
Riccardo
13 giorni fa

Anche se fallo il gioco pericoloso è punito con una punizione a due in area perciò la var non poteva intervenire dunque si deve confermare il rigore su Lazzari

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

E vero

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Quello di milinkovic e un altro sport, salto in alto…fate i bravi su.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Alla fine tutti contenti

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

… vero 😉👏

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Arriviamo da anni sempre cotti!!!!!!!!….solita storia…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Rigore regalato al Napoli

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Non doveva e non poteva essere decisivo con una vera Lazio invece la attuale Lazio “rinforzata in estate” non ha reagito…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Di Bello arbitrare non fa per te.Non puoi compromettere a questo livello una squadra di Serie A. Mi riferisco a Napoli Lazio. ⚽️

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

🦅 👍🏼 ⚽ 💯 🇮🇹

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Cercate un portiere

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Grazie

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Azz una tacchettata in testa è fallo di Manolas.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

…quando giocavo io era fallo di Manolas…ma a che gioco ?!…forse il calcio fiorentino

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Comunque non si prendono 5 goal purtroppo!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Mo Nn lo sanno neanche loro come fa le regole

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Non so può partire da meno 1. Rigore inconcepibile

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Avevo 12 anni ero uno che quando segnava chinaglia urlavo e piangevo di gioa ,avevamo vinto due anni prima lo scudetto e appena quattro anni prima ero..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "rimpiazzato ovviamente da William Vecchi"

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory, Immobile aggancia Piola. Anzi no…! Ecco quanto manca

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Advertisement

Altro da News