Resta in contatto

Parola ai tifosi

Sono laziale perché…

Si è laziali per tanti motivi. Unici contro tutti, averne passate di ogni, con mille personaggi diversi che hanno fatto la storia biancoceleste. Buon compleanno Lazio.

Di Micaela Monterosso

Sono laziale perché sono nata in una famiglia di laziali. Non poteva andare diversamente.

Sono laziale perché ero l’unica in una classe di romanisti, e lo sono stata per quasi tutti gli anni della scuola.

Sono laziale perché, quando non andavo a scuola, ascoltavo Gianni Elsner insieme a mamma. E, con lui, ho capito che il laziale è diverso da tutti gli altri. Quanto manchi, Gianni.

Sono laziale perché non ho mai superato l’addio di Nesta. Io ero piccola e lui era il mio Capitano. Forse è stato l’unico per cui ho pianto.

Sono laziale perché, con l’addio di Sandro, ho capito che quella Lazio non sarebbe più stata la stessa.

Sono laziale perché sì, ho vissuto la Lazio di Cragnotti, ma ero abbonata nell’anno del piano Baraldi. Ho ancora la maglia firmata dai giocatori, di ben quattro taglie più grande (mi hanno fatto bassa, non è colpa mia).

Sono laziale perché le prese in giro, le risatine, gli sfottò, mi hanno insegnato a non abbassare mai la testa. Che non importa essere in tanti, ma conta essere quelli giusti.

Sono laziale perché guardo i miei ragazzi alzare trofei mentre Essi alzano il monte debiti.

Sono laziale perché mi rode quando perdo, ma nessuno deve osare valicare il confine tra critica costruttiva e insulto. Perché lì non mi sta bene e l’istinto di protezione mi fa dimenticare anche come mi chiamo.

Sono laziale perché ho Simone Inzaghi, la maglia con il suo numero sulle spalle e la speranza di vederlo su quella panchina ancora per tanto, tanto tempo.

Sono laziale perché non mi stanno bene tante cose, ma conosco la differenza tra critica costruttiva e faziosità. E tra le due, scelgo sempre la prima.

Sono laziale perché amo le minoranze, perché non ho bisogno di appartenere a niente e nessuno per sentirmi speciale.

Sono laziale perché la Lazio non la scegli. È lei che sceglie te.

Buon compleanno, Lazio mia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Sono un laziale di Piacenza e ricordo i tuoi primi passi in biancorosso, poi nella prima squadra della capitale ci hai fatto tutti impazzire !!!! Col..."

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"

#CountdownToHistory: Immobile colpisce anche il Cagliari

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."

Altro da Parola ai tifosi