Resta in contatto

Esclusive

Lazio, il nuovo speaker Celletti: “È un sogno. Io laziale e amico di Gabbo”

Lazio, sabato sera contro il Bologna ha esordito Riccardo Celletti, nuovo speaker della Lazio all’Olimpico

In esclusiva per Sololalazio.it Riccardo Celletti, nuovo speaker della Lazio all’Olimpico, racconta l’emozione del debutto in Lazio-Bologna e le partite dei suoi sogni, ovviamente da vivere come “voce” biancoceleste.

Di Chiara Hujdur

Ciao Riccardo, ieri la tua prima da speaker con vittoria della Lazio. Non male come esordio…

“Sì, è stato stupendo, sono senza parole. Un esordio così non me lo sarei mai aspettato. Io sono laziale da quando ero piccolo, abbonato in Curva Nord. Provengo da una famiglia di romanisti e sono l’unico laziale grazie a nonno che mi portava allo stadio. Ho avuto quest’opportunità grazie ad Anna Nastri e Andrea Casta, violinista, con cui siamo amici da tantissimo tempo e che mi ha aiutato ad inserirmi nel mondo Lazio. È un sogno che si realizza, non avrei mai pensato di arrivare fin qui.

Poi vorrei anche ringraziare e complimentarmi con Francesco Pasquali, lo speaker precedente. Nel mio, come in tutti gli ambiti, quando il testimone passa a un’altra persona, devi sempre ringraziare chi ha rivestito il ruolo prima di te. Francesco ha veramente portato in alto questo lavoro e lo voglio ringraziare pubblicamente. Io spero di essere all’altezza”.

Cosa hai provato quando ti è stata offerta questa opportunità?

“Non ho dormito per due notti. E me lo hanno detto a due giorni dalla partita…”

L’atmosfera che si respira oggi negli stadi semivuoti è unica, non ci saremmo mai immaginati di assistere a una partita senza pubblico sugli spalti. Il Riccardo speaker come si immagina la prima partita con l’Olimpico nuovamente pieno di tifosi?

“Non so immaginarlo, penso che non dormirò per altri tre giorni. Sempre che quel momento arriverà, il colmo sarebbe che non continuassi o che quando riapriranno gli stadi non ci sarò più io. In questo momento credo che tutti quanti viviamo alla giornata, è un momento paradossale delle nostre vite. Per ora mi godo il momento attuale, poi quando e se ci sarò io, mi godrò quel momento fino in fondo”.

La partita dei sogni da vivere in veste di speaker?

“Lazio-Roma”.

È troppo facile…a parte il derby?

“Lazio-Inter. È una partita alla quale sono molto legato perché, da tifoso, segna il gemellaggio. Arrivando dal mondo della notte conoscevo Gabriele Sandri. Lui è stato il primo deejay con cui ho fatto una serata da piccolo, quando avevo 15 anni. Ho avuto il privilegio di conoscerlo, lavorarci insieme e da quando è successo quello che è successo per me Lazio-Inter è una partita speciale. Se devo dirti invece la partita dei sogni in Champions, Lazio-Real Madrid o Lazio-Liverpool”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

grande. Riccardo Celletti amico e laziale da sempre!! avanti Lazio!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Io rivoglio Francesco il mio Speaker della Lazio rimarrà lui

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "In eterno per noi laziali lui e' e rimarrà per sempre lui il simbolo della nostra amata lazio!!!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile stacca Signori in Serie A

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Altro da Esclusive