Resta in contatto

Pagelle

Lazio-Atalanta, le #CardoPagelle: male i centrocampisti, si salva il Panterone

Cardopagelle

Lazio-Atalanta finisce 1-4: la rete a inizio ripresa di Caicedo non basta per la rimonta. Domenica all’Olimpico arriva l’Inter.

Serataccia per la Lazio. Voti bassi per tutti nelle #CardoPagelle del direttore.

Strakosha 5.5

Non ha fatto miracoli, e non va bene. Servono quelli, in serate così.

Patric 4.5

Sembra in soggezione di fronte agli avversari, altrimenti non si spiega il passaggio di testa a Gomez (gol del 3-0). E poi lo sta a guardare (gol del 4-1). Male oggi lo spagnolo, che era stato tra i migliori a Cagliari. Ricordiamo che è una riserva, comunque. Quel fallaccio su Luiz Felipe a Frosinone, che danno.

Acerbi 6

Il migliore di una difesa in affanno. Ma Leone la testa non l’ha persa mai.

Radu 5

Sfortunato e non reattivissimo sul primo gol, quando pettina di testa la palla che finisce a Gosens. Poi va meglio in costruzione che in fase prettamente difensiva. Si fa male, problema muscolare, contro l’Inter non ci sarà. Un (altro) guaio.

Lazzari 5

Dominato da Gosens. Tra le peggiori partite da quando è alla Lazio. Con l’ennesima scelta sbagliata nella zona calda: stavolta passa invece di tirare lui, ed era in posizione favorevolissima. Forza Manuel, contro l’Inter ti riscatterai!

Milinkovic 5

L’assist per Caicedo, qualche spizzata di testa e la consueta partecipazione al palleggio. Ma si vede che è indietro fisicamente, non è il vero Sergente.

Leiva 5

Per dieci minuti domina il campo, poi va in crisi sul pressing dei mediani bergamaschi. Deve ritrovare brillantezza, dopo tanti mesi a curare il ginocchio (che sta bene, per fortuna). Al momento, non è la diga che serve per coprire la difesa.

Luis Alberto 5

Oggi serviva più concretezza, oltre ai tocchi di fino. Ben arginato da una difesa che lo conosce bene, non trova le sue giocate di un altro pianeta. Toque sulla terra, insomma.

Marusic 4.5

Bene in fase offensiva, ma dietro i due gol sono colpa sua.

Immobile 5

Traversa sfortunata, sul 1-3 fallisce malamente l’occasione che avrebbe potuto riaprire la partita. Tanta corsa, poca lucidità. Ma duetti sempre interessanti con Caicedo.

​Caicedo 6.5

Non doveva giocare, si ritrova titolare grazie al colpo della strega che blocca Correa ed è il migliore della Lazio. Al di là del bel gol. Lotta con tutti, compreso con l’arbitro che non gli fischia nulla: è un classico, dalla presunta simulazione contro la Fiorentina. Meglio proprio non venderlo, il Panterone.

​Cataldi 6

Entra bene in partita, si conferma cambio utile per Leiva quando c’è da costruire gioco.

Akpa e Escalante 5.5

Stavolta non confermano quanto di buono mostrato a Cagliari, ma non toccava a loro cambiare la partita sul 4-1.

Bastos 6

Paradossale la sua situazione: si sta trattando la cessione, però dovrà giocare contro l’Inter.

Djavan Anderson 5.5

Neanche lui riesce a mettersi in evidenza.​

Inzaghi 5

Da tre anni non batte l’Atalanta in campionato. Piano gara troppo spregiudicato: contro la squadra di Gasperini, muscolare e implacabile in contropiede, il baricentro così alto diventa un boomerang. La Lazio comunque gioca bene, dev’essere più concreta e furba. Dai Simone, dopo la sosta inizierà il vero campionato della tua banda. Ma è giusto che tu te la prenda per il ritardo negli acquisti.

Maresca 4

Indisponente. E prevenuto con Caicedo. Incantato anche lui, forse, dalla favola Atalanta.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da Pagelle