Resta in contatto

News

Lazio-Padova, 1-0 al 90′. Autogol di Fazzi dopo una carambola col portiere

Inzaghi

Lazio-Padova, aggiornamento in tempo reale della gara

Alle 17 il calcio d’inizio di Lazio-Padova, seconda amichevole estiva per la squadra di Simone Inzaghi in vista della ripresa del campionato. Il tecnico piacentino pronto a schierare i due nuovi acquisti Reina ed Escalante dal primo minuto. Noi di Sololalazio.it vi aggiorneremo in diretta sui gol della gara. Al 75′ Inzaghi cambia ancora: dentro Jony, Djavan Anderson e Andrè Anderson, fuori Lazzari, Parolo e Caicedo. Nel finale il Padova è venuto un po’ fuori sfruttando anche le tante forze nuove subentrate, ma non è mai stato pericoloso. All’87’ la Lazio trova il vantaggio con un’incredibile carambola tra il portiere Merelli e il terzino Fazzi che spediscono la palla in porta per l’1-0. Dopo 4′ di recupero, l’arbitro ha fischiato la fine del match.

SECONDO TEMPO – La ripresa della Lazio parte con qualche cambio: dentro Bastos e Kiyine per Luiz Felipe e Raul Moro. Adesso Alberto vicino Caicedo e l’ex Salernitana mezz’ala. I biancocelesti ripartono da dove avevano interrotto: chance per Parolo che però non inquadra lo specchio. Al 56′ si fa vedere anche il Padova con una percussione centrale del neoentrato Germano che però conclude male, nessun problema per Reina. La squadra di Inzaghi a cavallo dell’ora di gioco ha abbassato un po’ il ritmo e ha ripreso il giro palla. Doppio cambio per la Lazio: fuori Radu e Lukaku, dentro Patric e Akpa Akpro. Al 63′ dopo una sbavatura difensiva con Vavro, il Padova guadagna un calcio di rigore ma Ronaldo si fa ipnotizzare da Pepe Reina che con un super intervento manda in angolo. Al 68′ c’è stato un brutto scontro tra Ronaldo e Akpa Akpro, entrambi a terra per qualche minuto, ma nulla di grave.

 

PRIMO TEMPO – La Lazio inizia con un lungo possesso palla, la difesa si appoggia molto su Pepe Reina grazie alla sua ottima qualità con i piedi. Escalante e Luis Alberto provano a far girare la squadra con verticalizzazioni improvvise per Caicedo. Il centravanti ecuadoriano è il primo ad avere un’occasione al 14′ con un colpo di testa su calcio d’angolo che però si spegne alto. Dopo soli 22′ il Padova effettua il primo cambio: fuori Andrade, dentro Soleri. Al minuto 28′ Manuel Lazzari scappa sulla destra, supera con un tunnel l’avversario e serve Parolo, il sinistro del capitano però non gira bene e finisce al lato. Pochi minuti dopo triplice occasione per i biancocelesti con Raul Moro che sul filo del fuorigioco si presenta in area e conclude, la palla respinta finisce sui piedi di Caicedo che per due volte si fa ipnotizzare da Vannucchi che manda in angolo. Al 33′ occasionissima per la Lazio: Parolo porta palla centralmente, Caicedo gli taglia d’avanti e spalanca lo spazio per il giovane Moro che di prima intenzione conclude debolmente. Un minuto dopo è Luis Alberto ad avere una buonissima chance direttamente su calcio di punizione, il suo destro finisce alto di poco. La Lazio è in netto controllo della partita, crea tanto ma non concretizza. Anche al 35′ infatti si presenta avanti a Vannucchi con un cross al bacio di Lazzari che però Moro non trasforma in rete. Nel finale di primo tempo anche Escalante sfiora il vantaggio con un destro potente che però si spegne di poco al lato. Al 45′ è ancora Caicedo ad avere un’ottima chance, ma sull’imbucata di Luis Alberto colpisce in malo modo e sciupa tutto. Su questa occasione si va all’intervallo.

ECCO LE FORMAZIONI UFFICIALI:

LAZIO (3-5-2): Reina; Luiz Felipe, Vavro, Radu; Lazzari, Parolo, Escalante, Luis Alberto, Lukaku; Caicedo, Raul Moro.

A disp.: Alia, Adamonis, Bastos, Patric, Leiva, Akpa Akpro, D.Anderson, Falbo, A. Anderson, Jony, Kiyine, Correa. All.: Inzaghi.

PADOVA (4-3-3): Vannucchi; Fazzi, Andelkovic, Pelagatti, Baraye; Mandorlini, Ronaldo, Della Latta; Nicastro, Paponi, Andrade.

A disp.: Merelli, Voltan, Santini, Ruggero, Boli, Moro, Rondanini, Germano, Serena, Buglio, Piovanello, Vasic, Soleri. All.: Mandorlini.

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Altro da News