Resta in contatto

Consigli per gli acquisti

Calciomercato, il nuovo ‘Consiglio del Fabregas’: Antonio Marin

Antonio Marin

Calciomercato, Antonio Marin è il protagonista del nuovo consiglio del nostro amico Fabrizio “Fabregas” Di Marco, che ci descrive le caratteristiche del talento croato

Nuovo capitolo della rubrica il ‘Consiglio del Fabregas’. Il nostro amico Fabrizio Di Marco ci racconta il talento croato Antonio Marin della Dinamo Zagarbia.

Nome: Antonio Marin
Data di nascita: 09/01/2001
Altezza: 179 cm.
Piede: destro
Ruolo: trequartista, ala sinistra, destra
Club: Dinamo Zagabria
Scadenza Contratto: 30/06/2024

Antonio Marin sembra avere nome e cognome italiano, ma purtroppo per le nostre nazionali il ragazzo è nato qualche centinaio di chilometri più a est, a Zagabria, ed è uno dei fiori all’occhiello del prestigioso vivaio della Dinamo. È entrato a far parte della squadra all’età di 8 anni e immediatamente gli allenatori dell’Academy si sono resi conto che Antonio aveva delle qualità troppo importanti per giocare con i ragazzi più grandi di un anno. Aspetto da non sottovalutare in quanto nella storia della Dinamo Zagabria solo altri tre giocatori sono stati utilizzati sotto età: l’ex interista Mateo Kovacic, il fantasista dello Sporting Gijon Alen Halilovic e il grande Robert Prosineki.

Caratteristiche tecniche e tattiche:

Marin è principalmente un’ala che è in grado di giocare indifferentemente su entrambe le corsie, ma anche al centro sa dare il suo buon contributo, svolgendo sia il ruolo di “finto nove” sia quello di trequartista. Molto abile nell’uno contro uno, è velocissimo ed è in possesso di notevoli doti balistiche con dei cross quasi sempre ben calibrati. È un giocatore completo, in quanto abbina alla
spiccata tecnica di base (la palla è sempre “incollata” ai suoi piedi) anche una buona fisicità. Pur essendo un destro naturale, sa anche usare il piede mancino. Deve migliorare in fase di copertura e crescere caratterialmente, bravo nella fase di copertura della palla, tatticamente può ricoprire tutti i ruoli offensivi.

Farebbe comodo alla Lazio perché:

Oltre all’indiscusso talento farebbe comodo ad Inzaghi per la sua duttilità nei ruoli nel reparto offensivo. Lavorandoci bene visto lo schema tattico utilizzato dalla Lazio, potrebbe fare anche il quinto di sinistra, ma in quel caso dovrebbe migliorare uno dei suoi difetti che è quello di tornare indietro e dare una mano alla squadra. Molto alta la valutazione per ora della Dinamo Zagabria: si
aggira intorno ai 10 milioni di euro, ma il club croato vorrebbe venderlo tra un paio di stagioni per veder accrescere ulteriormente il suo valore, visto che il suo talento non è sfuggito ad osservatori di club importanti come Bayern Monaco, Manchester
City, Chelsea e le maggiori società italiane.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Consigli per gli acquisti