Resta in contatto

Consigli per gli acquisti

Mbuku, nuovo ‘Consiglio del Fabregas’: il macino 2003 del Reims

Mbuku

Mbuku è il protagonista del nuovo consiglio del nostro amico Fabrizio “Fabregas” Di Marco, che ci descrive le caratteristiche dell’esterno mancino francese

Nuovo capitolo della rubrica il ‘Consiglio del Fabregas’. Il nostro amico Fabrizio Di Marco ci racconta l’ala classe 2003, Nathanael Mbuku, giovane mancino del Reims.

Nome: Nathanael Mbuku
Data di nascita: 16/03/2002
Altezza: 172 cm.
Piede: sinistro
Ruolo: Ala destra
Club: Reims
Scadenza contratto: 30/06/2023

Mbuku è un’ala destra del Reims e della nazionale francese Under 16, con cui è stato protagonista al torneo di Montaigu. Il fatto di far parte di un club di secondo piano, neo promosso in Ligue 1, dovrebbe sicuramente incentivare i più grandi team europei a tentare di prenderlo con una vantaggiosa operazione per rapporto qualità/prezzo.

Caratteristiche tecniche tattiche:

Mbuku è un esterno offensivo che abbina una buona tecnica di base ad un notevole cambio di passo. È veloce e abile nell’uno contro uno, quando parte in progressione è difficile da arginare anche in virtù di una discreta fisicità. È un giocatore esplosivo che sa creare la superiorità numerica sulla propria fascia di competenza, superando in slancio i suoi dirimpettai: la sua classica azione prevede la partenza dalla corsia destra del campo con conseguente accentramento per andare alla conclusione con il mancino, il suo piede forte. Ha un buon tiro, ma con un po’ più di freddezza sotto porta potrebbe segnare un numero di gol maggiori.  Deve migliorare nella continuità nell’arco dei 90 minuti e nella fase difensiva, ripiegando maggiormente nella propria metà campo quando la sua squadra non è in possesso di palla.

Farebbe comodo alla Lazio perché:

Come scritto nella presentazione del ragazzo, il fatto di giocare in un club di seconda fascia come il Reims permette a chi voglia investire su di lui di spendere una cifra non esagerata. La sua valutazione infatti non è altissima e si aggira sui 3,5 milioni di euro: magari inizialmente la Lazio può girarlo in prestito alla Salernitana, per poi riportarlo alla base.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Consigli per gli acquisti