Resta in contatto

Consigli per gli acquisti

Nuno Mendes, nuovo ‘consiglio del Fabregas’: il 2002 esterno dello Sporting

Nuno mendes

Nuno Mendes è il protagonista del nuovo consiglio del nostro amico Fabrizio “Fabregas” Di Marco, che ci racconta più da vicino l’esterno mancino portoghese

Nuovo capitolo della rubrica il ‘Consiglio del Fabregas’. Il nostro amico Fabrizio Di Marco ci racconta l’esterno mancino Nuno Mendes, classe 2002 dello Sporting Lisbona.

Nome: Nuno Alexandre Tavares Mendes
Ruolo: Terzino Sinistro
Data di nascita: 19/06/2002
Altezza: 184 cm.
Piede: Sinistro
Club: Sporting Lisbona
Scadenza Contratto: 30/06/2021

La prossima stagione, soprattutto a causa della pandemia, lo Sporting Lisbona punterà su cinque giovani del proprio vivaio da inserire in prima squadra: per contenere i costi e poter in futuro fare delle importanti plusvalenze. Tra questi interessanti prospetti c’è il forte terzino sinistro Nuno Mendes, pupillo del tecnico Marcel Keizer che l’ha convocato precocemente più volte tra i professionisti. E’ entrato stabilmente nel giro delle nazionali giovanili lusitane, dall’Under 16 all’attuale Under 19, con la quale ha collezionato finora 5 presenze. Nell’ultima stagione si è messo particolarmente in evidenza nella seconda squadra, accumulando 17 apparizioni, condite con un gol e 3 assist.

Caratteristiche tecniche e tattiche:

Nuno Mendes è un terzino sinistro di forza e qualità tecnica. Dotato di un’impressionante facilità di corsa e di una
potente accelerazione, spinge con buona frequenza sulla propria fascia di competenza, garantendo uno sfogo costante alla manovra. Sa andare via in dribbling lanciato, per creare la classica superiorità numerica, ed è difficile da superare nell’uno
contro uno, in quanto abbina alla notevole velocità anche una struttura fisica considerevole. Maturo nelle scelte, lucido nel momento del cross, è abbastanza attento nelle diagonali difensive. Fisicamente è ancora longilineo ma margini di crescita per arrivare a essere ancora più dominante nei duelli spalla a spalla.

Farebbe comodo alla Lazio perché:

Nonostante non sia pronto subito per giocare nel nostro campionato, la Lazio – per ricoprire in futuro il ruolo di Lulic – dovrebbe metterlo nel proprio taccuino Nuno Mendes, per monitorarlo ed eventualmente anticipare la concorrenza di altri club europei, prima che lo Sporting non faccia salire la quotazione di mercato in maniera esponenziale.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da Consigli per gli acquisti