Resta in contatto

News

Gasperini accusato dal Valencia: “Aveva i sintomi del Covid e non ha avvisato”

Gasperini accusato dal Valencia: "Aveva i sintomi del Covid e non ha avvisato"

Le dichiarazioni di Gasperini per la Gazzetta dello Sport non sono state ben accolte dal Valencia che si è scagliato contro il mister con un comunicato

Gian Piero Gasperini riceve le accuse del Valencia. L’intervista pubblicata quest’oggi dalla Gazzetta dello Sport con la quale il mister ha dichiarato di aver contratto il Coronavirus e di aver manifestato i sintomi alla vigilia della sfida di Champions League contro il Valencia, non è passata inosservata.

Il club spagnolo ha risposto ufficialmente con un comunicato accusando il mister, avendo riconosciuto i sintomi del virus, di aver deliberatamente messo a rischio diverse persone pur di disputare la partita di Champions League. A seguito della stessa infatti, il club di Mestalla ha registrato un tasso di contagio all’interno della propria rosa del 35%.

Di seguito il comunicato ufficiale del Valencia:

“Dopo le dichiarazioni dell’allenatore dell’Atalanta, Gian Piero Gasperini, apparse questa domenica sulla stampa italiana, il Valencia esprime pubblicamente la sua sorpresa per il fatto che l’allenatore della squadra rivale negli ottavi di finale di Champions League riconosca che, tanto il giorno precedente quanto il giorno della partita, il 10 marzo al Mestalla fosse consapevole di soffrire sintomi presumibilmente compatibili con il Coronavirus senza prendere misure preventive, mettendo a rischio, nel caso, numerose persone durante il suo viaggio e la sua permanenza a Valencia. Bisogna ricordare che questa partita è stata disputata a porte chiuse, rispettando misure restrittive ben precise, prescritte dalle autorità sanitarie spagnole per prevenire il rischio di contagio per Covid-19, proprio in presenza di persone provenienti da una zona già qualificata pubblicamente a rischio”

21 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Altro da News