Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Pandev: “Alla Lazio mi sono sentito preso in giro. Lotito ha sbagliato”

Pandev

Pandev ha parlato di quanto avvenuto con Lotito: “Quando il presidente ha proposto il rinnovo, era tardi, il nostro rapporto non era più lo stesso”

Goran Pandev ha ricordato la sua avventura alla Lazio.

“Giocare alla Lazio e seguire il percorso di tanti campioni della mia terra, come Boksic, Mihajlovic, Stankovic, era un sogno per me”, ha detto l’attaccante in forza al Genoa, in una lunga intervista a Calciomercato.com. “Ogni anno facevo gol e assist, mentre Lotito rinnovava il contratto ad altri giocatori il mio restava invariato. Anno dopo anno. Volevo continuare la carriera alla Lazio, invece ci siamo lasciati malissimo. Mi sono sentito preso in giro e quando infine il presidente ha proposto il rinnovo, era tardi, il nostro rapporto non era più lo stesso.Sarò ingenuo, ma non pensavo di finire fuori squadra per aver chiesto la cessione. Col senno di poi credo che il presidente abbia commesso un errore nella gestione dei rinnovi e un altro dopo più grave soprattutto per orgoglio”, ha dichiarato Pandev.

Il periodo fuori rosa:

“Sono successe cose brutte, che non mi va di ricordare. Restare fuori rosa in quei sei mesi senza potermi allenare in gruppo, senza calciare un pallone o salutare i miei compagni, mi ha fatto molto male perché negli anni precedenti avevo dato tutto per quella maglia. E veramente mi dispiace. Alla Lazio ho fatto 5 anni bellissimi, me li ricorderò tutta la vita. Che dire, non tutto va come s’immagina. Quella difficoltà forse mi ha reso più consapevole e maturo”.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Quella splendida maglia Umbro e quel numero 11 sulla schiena. Ricordi indelebili della mia adolescenza. Beppe per sempre nel mio cuore."

Immobile da record: superato Inzaghi in Europa

Ultimo commento: "Mah , realizzare un calcio di rigore non è mai stata una cosa facile........tant'è che la sua mancata realizzazione ( ben due rigori falliti ) ci è..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News