Resta in contatto

News

Lazio, Gonzalez: “Mi emoziono pensando alla Lazio. Gli anni più belli vissuti a Roma”

Il “Tata” Gonzalez è tornato a parlare della “sua” amata Lazio, ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, in una lunga intervista.

Lacrime, gioie e dolori. Sconfitte e vittorie. Sentimenti forti quelli provati dal “Tata” Gonzalez nei suoi anni romani. La Gazzetta dello Sport ha intervistato il centrocampista ex Lazio.

“Alla Lazio ho vissuto gli anni più belli della mia carriera, alla squadra più forte in cui ho giocato. Alla Lazio devo tutto: la Copa America vinta nel 2011, la Serie A, la Coppa Italia conquistata nel 2013. Arrivai come uno sconosciuto, col tempo sono diventato un titolare, conquistando l’amore dei tifosi.

Ogni tanto torno a Roma, ho lasciato molti amici, persone che mi hanno aiutato a vivere la quotidianità. Per questo, a vedere le immagini di una città vuota, divento triste. In Uruguay la situazione è diversa, hanno fermato il calcio ma non c’è lo stato d’allarme con in Italia. La quarantena non è obbligatoria.

Arrivai ad Auronzo con Pablo Pintos, era il 2010. Eravamo in prova, a fine allenamento tiravamo le punizioni e ci sfidavamo nell’uno contro uno. Alla fine convinsi Reja a tesserami.

Il 2012 fu un anno storico. Chiuso con la vittoria della Coppa Italia contro la Roma. Qualche giorno dopo, vedendo i tifosi ancora in festa, realizzammo ciò che avevamo fatto. Ricordo ancora la festa a Ponte Milvio con tutti i tifosi, quell’anno fu il migliore della mia carriera.

Se non fosse stato per lo stadio chiuso e alcuni errori arbitrali, avremmo potuto dire la nostra anche in Europa League. Invece uscimmo ai quarti contro il Fenerbahce. Una gara maledetta. Avevamo un bel gruppo, Klose era un campione. A fine allenamento si fermava a raccogliere i palloni, un modello”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Salute a te. Spidj. Gonzales siamo felici quando parlate bene e ricordate la. Lazio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Grande corazon!!!!

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News