Resta in contatto

News

Juan Sebastian Veron a Sky Sport 24: “Mi rivedo in Luis Alberto”

14 maggio 2000, Veron: "Avevamo tutto per vincere"

Juan Sebastian Veron è intervenuto a Sky Sport 24 dove ha parlato di vecchi ricordi con la Lazio e della situazione attuale.

Juan Sebastian Veron è intervenuto ai microfoni di Sky Sport 24 dove ha della situazione attuale e dei vecchi ricordi con la maglia della Lazio.

Giocatore più simpatico?

“Attilio Lombardo è stato il giocatore più simpatico. Ce ne sono molti di aneddoti da raccontare per esempio tutti i giorni aveva qualcosa da dire. Era uno che per esempio nella tournée si metteva le foto con altre squadre, quelle vincenti”.

Dybala o Lautaro?

“Dybala o Lautaro? Sono giocatori diversi, Dybala può giocare sia seconda punta che trequartista ma con Lautaro hai un giocatore che davanti la porta non sbaglia. Possono giocare insieme sono giovani e possono migliorare”.

Compagno più forte con cui ha giocato

“Il più forte compagno con cui ha giocato e il più forte avversario: difficile fare dei nomi perché per esempio il centrocampo della Lazio era strepitoso con Simeone, Nedved, Conceição, Mancini, così come all’Inter. C’era tantissima quantità e qualità, era forse il miglior campionato del mondo”.

Ambientamento in Italia

“Si forse Sensi ha certe caratteristiche simili. A me lasciavano fare perché io venendo dall’Argentina tatticamente non ero forte quindi allenatori come Eriksson che ha avuto il miglior Veron ed è stato quello che mi ha capito di più mi lasciava fare”.

“Mi rivedo in Luis Alberto”

”Un’altro è Luis alberto mi ci rivedo un pochettino. Io sono arrivato a 21 e partito a 31 è stata una vita è stato difficile lasciare. Credo che il campionato italiano si stia riprendendo. Speriamo che ciò possa passare presto”

Interviene Marcheggiani: “Abbiamo condiviso due anni, al di la delle soddisfazioni e delle gioie io credo che sia stato uno dei guocatori più firti con cui ho giocato”.

“Luca è stato un grandissimo portiere, è stato uno con cui ho condiviso il campo e soffriva con qualche punizione soprattutto da Sinisa”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Addio Pablito: se ne va un altro simbolo del calcio

Ultimo commento: "Grande campione!"
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile affonda anche il Sassuolo. Girone d’andata chiuso a quota 13

Ultimo commento: "Secondo me l'unico dubbio e' se Ciro , Silvio Piola , lo raggiunge in questo campionato 2020-2021 o nel prossimo 2021-2022"
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Ciao MAESTRO, con gli anni che passano aumenta sempre più il rimpianto di averti perso troppo presto. Da lassù, guida Simone."
120 anni di Lazio, la top 11 di sempre: Re Cecconi la spunta sul Sergente

Lazio, Re Cecconi oggi avrebbe compiuto 72 anni

Ultimo commento: "Non potrò mai dimenticare quella scia bionda che disegnava traiettorie alla velocità della luce in mezzo al campo... Ho visto un Re"

Altro da News