Resta in contatto

News

Lazio nelle scuole, Marusic e Cataldi all’Ist. Comprensivo V. Volsinio

Lazio nelle scuole, Marusic e Cataldi all'Ist. Comprensivo V. Volsinio

La Lazio torna a far visita agli studenti delle scuole romane: Marusic e Cataldi gli ospiti dell’Ist. Comprensivo Via Volsinio

Ricomincia oggi, 13 febbraio, l’appuntamento “Lazio nelle scuole”.

I giocatori Danilo Cataldi e Adam Marusic insieme alla delegazione biancoceleste sono ospiti quest’oggi all’Istituto Comprensivo Via Volsinio.

L’iniziativa è volta alla promozione della formazione della cultura sportiva diffondendo ed incrementando i principi legati ad una crescita psico-fisica sana, leale e non violenta, che educhi gli adulti del domani, a comportamenti rispettosi dell’avversario e delle istituzioni.

I due calciatori biancocelesti sono stati dunque intervistati in merito al fair play e al modo in cui un nuovo giocatore viene inserito all’interno del gruppo.

Queste le dichiarazioni di Marusic:

“Il fair play? Quando un giocatore è a terra dobbiamo fermarci e aiutarlo. è molto importante il fair play nel calcio”.

Queste invece le parole di Cataldi:

“Come viene accolto un nuovo giocatore? Nel migliore dei modi, cercando di metterlo nelle migliori condizioni. Si cerca di aiutarlo ad inserirsi: se viene dal campionato italiano è più facile”

Sono poi i bambini a prendere la parola per fare domande ai biancocelesti. Danilo Cataldi, interrogato su chi sia stato il suo calciatore di riferimento, ha confessato di non averne mai avuto uno in particolare ma di aver appreso con gli occhi tutto ciò che poteva dai giocatori più esperti.

“Cerco di prendere le cose positive dai giocatori più esperti. Il mio idolo? Non c’è mai stato un giocatore che è spiccato a cui ho fatto riferimento. Ho però cercato di rubare con gli occhi da tanti altri calciatori forti”

Nessun dubbio invece, sia per Cataldi sia per Marusic, sul gol più bello segnato con la maglia della Lazio.

“Il mio gol più bello è stato l’ultimo in Supercoppa con la Juventus. Quello più emozionante nel derby l’anno scorso.

Mentre secondo il montenegrino:

“Il mio a Marsiglia, ma anche quello contro il Milan l’anno scorso”

 

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Signori.Che Spettacolo.Beppegool. il Capitano."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Un mitoche non dimenticherò mai"
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron, Almeyda, Simeone, Sergio Conceicao, Nedved...una squadra stretodferica, un centrocampo stellare, lui, Juan Sebastian, uomo ovunque, leader in..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News