Resta in contatto

News

Acerbi a Lazio Style Channel: ”Non abbiamo perso oggi la qualificazione”

L'ironia di Acerbi sul ritorno a Formello: "Capello lungo e reggiseno"

Al termine della sconfitta contro il Rennes, Francesco Acebi è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel per commentare la gara

Francesco Acerbi è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, per commentare la sconfitta subita nell’ultima gara europea della stagione contro il Rennes.

Queste le parole del difensore biancoceleste: “Non abbiamo perso oggi la qualificazione. Oggi dovevamo vincere sperando in un risultato positivo dall’altra parte, dovevamo avere un’approccio diverso. È una crescita per tutti e per i singoli. Sembravamo un po’ vuoti questo non deve accadere perchè una squadra vincente deve avere sempre una mentalità vincente. Potevamo fare molto molto di più . Il Rennes voleva vincere e noi dovevamo avere lo stesso approccio loro. Non so perchè sono li in fondo sono fisici e hanno qualità”.

“Bisogna sempre giocare partita dopo partita. Ora testa al Cagliari perche sono 11 animali, come il Rennes questa sera. Dobbiamo cercare di vincerla bisognerà fare una gara importante sotto l’aspetto mentale che oggi è mancata”.

“Noi cerchiamo di vincere tutte le partite. Il calcio è bello perchè vario, vai la consapevole della squadra che affronti, hanno il pubblico dalla loro parte vogliono accorciare su di noi, tutti presupposti per rischiare una brutta figura”.

Il difensore biancoceleste è intervenuto anche ai microfoni di Sky: “L’approccio è stato sbagliato, la partita pure. Non ci riuscivano le azioni, ci mancava quel pizzico di cattiveria. Questo deve essere un segnale, un esame di coscienza per tutti noi. Non si doveva uscire, dobbiamo ancora crescere un po’”.

“Oggi siamo usciti meritatamente, anche stasera si è visto che non eravamo noi. Ora ci sono campionato, Supercoppa e Coppa Italia e dobbiamo cercare di vincere ogni partita”.

“Ci tenevamo a passare e fare bene in campionato allo stesso tempo. Siamo andati avanti quasi a due facce, stasera eravamo giù di tono. Ora recuperiamo per Cagliari, poi ci sarà la Supercoppa”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Infatti oggi avete perso la faccia . Vergogna

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "da juventino ho adorato Beppe Signori......è uno dei pochi calciatori di cui ho la maglia autografata......oggi Signori non avrebbe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News