Resta in contatto

News

Europa League, Inzaghi: “Col vantaggio del Cluj ci siamo abbassati”

Lazio - Juventus, Simone Inzaghi

La Lazio saluta l’Europa League: al termine della sfida in casa del Rennes, il tecnico biancoceleste ha analizzato la sconfitta e l’eliminazione

Quarta sconfitta nel Gruppo E di Europa League, si chiude l’avventura della Lazio. Il ko in casa del Rennes, insieme alla vittoria del Cluj con il Celtic, segnano l’addio biancoceleste già alla fase a gironi. Queste le dichiarazioni del mister Inzaghi a Lazio Style Radio:

“La non qualificazione non è passata da Rennes, anche se abbiamo trovato un’ottima squadra. Noi dovevamo fare meglio nel primo tempo anche se nella ripresa abbiamo approcciato meglio. Appena abbiamo saputo del vantaggio in Romania ci siamo abbassati, non ci hanno dato quel conforto che aspettavamo. Ora dobbiamo guardare avanti e al campionato con le partite che verranno. Lunedì gara complicata, troveremo una squadra in salute. Dovremo essere bravi a preparare la gara nel migliore dei modi. Il Cagliari è organizzato, ha giocatori di quantità ma anche di qualità. Conoscono bene l’allenatore e hanno entusiasmo. Dovremo fare una grande gara”.

Conferenza:

“Abbiamo vinto col Cluj e c’era qualche speranza anche se poi dalle conferenze oggi non avevamo molte speranze. La partita l’avevamo pensata in un’altra maniera ma dopo 5 minuti è arrivato il vantaggio del Cluj. La qualificazione comunque non è sfumata oggi.

Io penso che si siano fatte delle scelte nel senso che abbiamo alternato i giocatori perchè è unmio dovere vedere tutti i giocatori che ho a disposizione. Ho provato a salvaguardare i giocatori che per noi sono fondalmentali.

Penso che Jony o altri ragazzi giocando non sempre quando li chiamo non è semplice. Ma ho fiducia in Jony, è un ragazzo molto voglioso e va aspettato. Così come Vavro e Bobby. Ci sono giocatori che hanno bisogno del loro tempo e del loro percorso. Gennaio non sarà semplice, dobbiamo finire intanto queste due partite poi a gennaio avremo la Coppa italia. Quest’anno abbiamo fatto altre scelte, pensavamo che nonostante questo turnover saremmo potuti andare avanti. Ma abbiamo anche pagato a caro prezzo determinati episodi nonostante le ottime prestazioni.”

Sky:

“Ci aspettavamo un Rennes così, anche lo stadio era quasi esaurito. Il primo tempo dovevamo far meglio, loro hanno messo più intensità. Quando abbiamo avuto la notizia che in Romania non c’era partita, abbiamo fatto dei cambi e siamo calati. La qualificazione però non è passata da Rennes. Dovevamo interpretare meglio le partite: abbiamo fatto buone gare non raccogliendo quanto dovevamo. Il girone non era semplice, Rennes e Celtic sono buone squadre. Il rimpianto è per i risultati delle altre partite, siamo mancati nei momenti decisivi. Io rifarei le stesse scelte, ho il dovere di impiegare tutti i giocatori. Ho avuto risposte buone e altre meno, ma era impensabile giocassero sempre gli stessi.

Lunedì avremo una partita difficilissima contro una squadra in salute. Dovremo prepararla al meglio recuperando energie. Siamo fiduciosi, dovremo fare un’ottima partita”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Immobile

#CountdownToHistory: Immobile aggancia Signori al 2° posto all time

Ultimo commento: "Prendere Piola la vedo dura ... "
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Ho avuto la fortuna di conoscerlo, parlarci per ore ed era prorprio come viene descritto da tutti. Ho ancora la sua maglia originale: quella con il 9,..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il suo dito che esce fuori dalla nebbia al derby. Non si vedeva nulla ma la palla era dentro la rete! E segna sempre lui!"
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Fascetti una persona indimenticabile, grazie"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."

Altro da News