Resta in contatto

Esclusive

Pippo Baudo a SLL: “Inzaghi meglio di Sarri. Lazio favorita in Supercoppa”

Di Enrico De Lellis

Pippo Baudo è intervenuto in esclusiva ai microfoni di SololaLazio.it, per parlare della sfida di sabato tra i biancocelesti e la “sua” Juventus

Pippo Baudo, storico presentatore e Re indiscusso del Festival di Sanremo, ha parlato ai microfoni di SololaLazio.it, della sfida di sabato tra i biancocelesti e la Juventus di Maurizio Sarri.

La Juventus nell’ultimo turno, ha perso la vetta dopo il pareggio casalingo contro il Sassuolo. Cosa succede alla squadra?

“Succede che i giocatori sono in confusione e a mio avviso la colpa è di Maurizio Sarri. Il suo stile di possesso palla, non si sposa con le caratteristiche dei giocatori in campo. Poi anche la gestione di Dybala non mi sta piacendo: un giocatore come l’argentino dovrebbe essere sempre titolare, nelle ultime partite la Juventus ha fatto punti grazie alle sue giocate. Maurizio Sarri dovrebbe essere meno presuntuoso, la Juventus è fragile per colpa sua”. 

Teme la Lazio nella sfida di sabato?

“Assolutamente sì, la Lazio è una squadra molto forte. Simone Inzaghi è bravissimo e la rosa è stata costruita bene. Gli attaccanti biancocelesti segnano a raffica. Per la Juventus sarà una sfida molto difficile. Il centrocampo dei capitolini è imbattibile. Sanno fare tutto: creare con qualità e difendere con personalità”.

Da amante di questo sport, c’è qualche giocatore della Lazio che le piacerebbe vedere nella Juventus?

“Francamente non saprei, non sono un allenatore (ride, ndr), ci sono giocatori molto forti, però il calcio vive di equilibri e non sempre un calciatore forte si sposa in una squadra altrettanto forte”.

Quale canzone di Sanremo sarebbe più idonea per presentare il big match di sabato?

“Si può dare di più, ma questo brano è appropriato solo per la Juventus, perchè la Lazio sta facendo un cammino impressionante in campionato”.

Cosa succede a Cristiano Ronaldo?

“Sarò ripetitivo, però, la colpa è solo di Maurizio Sarri, il suo modulo di gioco sta condizionando il giocatore. In più gli anni passano anche per lui, perciò un calo fisico è normale. Il suo lo fa sempre, però la sua posizione di attaccante esterno non mi convince. Vorrei rivedere un Cristiano attaccante centrale come lo faceva giocare Allegri”.

Per sostituire Allegri si era parlato anche di Inzaghi. Lo avrebbe preferito all’ex Napoli?

“Personalmente sì: è un ragazzo molto serio, non presuntuoso e modesto. Tutte caratteristiche che servono per allenare un top club. Poi negli ultimi anni sta facendo cose importanti”.

Un pronostico per sabato e uno per la finale di Supercoppa del 22 dicembre…

“Due sfide complesse per la Juventus, soprattutto la partita secca del 22. Sabato vedo un pareggio, mentre per la finale la favorita è la Lazio”.

 

 

Vieni a scriverci il tuo voto sul muro del tifoso:

Chi merita il Pallone d’Oro biancoceleste 2019? Scrivici il tuo voto

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Ha detto una grande ed ineccepibile verità ! ”però comunque gufa senz’altro”…… Speriamo che si scapicollano tutti tutti i gufi…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Gufata pazzesca

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

io sono superstizioso nn credo che gufi però mi gratto le palle nn si sa mai!!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Grattateve le palle……

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Sarà ma non credo alle sue parole

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Questo e’ un gufo di razza vatussa il peggio in circolazione

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Grande PIPPO

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

🤘

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Guffo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

🤘🏼🤘🏼🤘🏼

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da Esclusive