Resta in contatto

News

Lazio – Cluj, Inzaghi: “Mi auguro che il Celtic faccia la sua partita in Romania”

La parola a papà Inzaghi: "Mi chiama sempre dopo ogni partita"

Il tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, ha commentato ai microfoni di Sky la vittoria dei biancocelesti contro il Cluj

Simone Inzaghi ha commentato la vittoria della Lazio contro il Cluj. Tre punti che fanno ancora sperare i biancocelesti per un difficilissimo, quasi insperato, passaggio del turno.

Le parole del tecnico in collegamento con Sky:

“Il Celtic è venuto a vincere all’Olimpico, mi auguro che gli scozzesi giochino una partita importante noi, però, dobbiamo vincere in Francia. Sono contento della vittoria, nel secondo tempo il Cluj ha messo attaccanti con una stazza fisica pesante e lanciavano lungo per arrivare primi sulle seconde palle. Avremmo dovuto chiudere la partita

Ringrazio Cassano per le belle parole, posso contare su giocatori di qualità abbiamo preso pochi gol e tutto è merito loro. Non ci possiamo accontentare vogliamo raggiungere sempre nuovi obiettivi.  A questi ragazzi non manca tanto per consacrarsi, in zona goal qualcosa va migliorato. Le partite vanno chiuse altrimenti il calcio non ti regala niente”.

Poi il tecnico ha parlato anche ai microfoni di Lazio Style:

“Mai dire mai. Dovremo giocarcela fino all’ultimo. Andremo in Francia a fare il nostro e loro avranno il Celtic in casa. Con noi il Celtic ha dato tutto fino all’ultimo e penso che sarà così anche alla prossima. Sia per noi in Francia, sia per loro in Romania. Sono rammaricato per tutte e tre le partite perse. Per me tutte e tre sono state giocate bene. Ricordo con piacere il primo tempo in Romania. Per questo cresce il rammarico, ma noi fino alla fine alla qualificazione ci crediamo.  Io penso che per un allenatore cambiare 7-8 uomini e vedere comunque questa personalità e giocare così a calcio sia certamente una bella cosa. C’è solo il rammarico di non aver segnato di più”.

“Domenica sfideremo una squadra fisica. Contro la Samp stavano facendo bene prima di rimanere in 10. Hanno qualità e noi dovremo recuperare le energie da domani e in 48 ore prepararla al meglio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Gufi gufi marameo tutti giù dal Colosseo...Insieme a Maestrelli l'allenatore più importante della Lazio. Onore a lui"
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News