Resta in contatto

News

Incontro arbitri capitani, Rizzoli: “Il Var si accorge subito che Lapadula è dentro l’area di rigore”

Incontro a Roma, questa mattina tra arbitri e capitani della squadre di Serie A. Il capitano biancoceleste, Lulic, è arrivato in questi minuti all’incontro

Senad Lulic, in questi minuti è arrivato al Grand Hotel Principi, per partecipare all’incontro tra arbitri e capitani

Nelle ultime giornate di campionato alcune decisioni arbitrali, non sono piaciute ad alcune società. L’utilizzo del Var, in determinati episodi lascia qualche perplessità.

L’incontro che andrà in scena nella tarda mattinata, servirà per chiarire alcuni aspetti, spiegare ai giocatori alcune versioni arbitrali. Incontri che nel passato sono serviti a chiarire alcune situazioni di gioco. Presente anche il tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, e quello giallorosso Fonseca.

Rizzoli prende in esame Lazio-Lecce e il rigore di Lapadula: “Il Var capisce subito che Lapadula è dentro e alla fine comunica che è entrato prima all’arbitro. C’è un errore di base arbitrale e non siamo qui per nasconderci. Noi chiediamo ai direttori di gara di mettersi a più di un metro dalla linea dell’area perché così si ha la percezione giusta di chi entra in area prima. Possiamo fare di più, su questo non c’è dubbio”.

Anche il presidente del Lecce, Sticchi Damiani, torna a parlare dell’episodio: ““Il regolamento prevede che in caso di invasione dei giocatori delle due squadre il rigore va ripetuto, senza vedere cosa succede dopo. Poi il regolamento vede anche l’ipotesi in cui nell’area entra o un attaccante o un difendente. Il protocollo VAR che dovrebbe vedere chi si avvantaggia dell’azione si riferisce solo all’invasione dell’uno o dell’altro. Dobbiamo capirci. L’idea che invadano entrambi e il Var punisca solo uno è una cosa che non regge”.

Il diesse della Fiorentina, Pradè, sposa la tesi del presidente del Lecce: “La regola 14 sarà sempre interpretativa, ci sono situazioni in cui il buon senso dell’arbitro prevale. Sono d’accordo con il Presidente del Lecce”.

Rizzoli risponde: “No, l’ifab ci ha imposto di usare il Var e i due casi possibili sono o punire chi prende la palla o punire tutti. Altrimenti sarebbero da ripetere tutti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Prima partita allo stadio: Lazio-Verona 4-2. Avevo sette anni. Come potrei dimenticare? Gladiatore puro. Decise di andarsene perche' la Roma degli..."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Ero giovanotto e seguivo la squadra in quegli anni difficili. No come oggi che si fa polemica se arrivi secondo o quarto. Rimane sempre nel mio cuore..."

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Il mio primo gol della Lazio vista dal vivo lo ha segnato lui. Mio idolo di infanzia che ha aumentato la mia fede laziale. Immenso!"

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Uber grande laziale, quando ero bambino mio papà mi raccontava sempre di questo signore ero che per non indossare un altra maglia, preferì..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Altro da News