Resta in contatto

News

Sticchi, Presidente Lecce, al CorSport: “Regole serve più chiarezza”

Il presidente del Lecce, Sticchi ha parlato al Corriere dello Sport della Var e dell’episodio tanto discusso nella partita contro la Lazio

Il presidente del Lecce è stato intervistato dal Corriere dello Sport, dopo l’episodio tanto discusso della scorsa giornata di Serie A contro la Lazio.

Ecco le parole del presidente in merito all’episodio: “È stata violata una regola, su questo punto non ci sono dubbi. Anzi, più la rileggo, la regola, più mi convinco che si, il Lecce ha subito un torto. E con questo non voglio dire altro, magari la Lazio avrebbe vinto 6 a 2 o, in caso di errore tecnico e gara ripetuto, 20 a 0. Il punto non èquesto e le spiegazioni date non mi convincono”.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Più chiaro di quello che il regolamento dice? Ma questo c’è o ce fà?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Buon Natale…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

A preside’ vatte a vede’ l azione del pareggio del Lecce e statte zitto per favore

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Rigore per. Il Lecce inesistente

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Falla finita e sii più sportivo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Presidente MA la faccia FINITA che il rigore non c era e il suo giocatore doveva essere ammonito per simulazione perché si è buttato addosso all altro giocatore

Gino
Gino
6 mesi fa

Ringraziate il cielo che il rigore l’ha calciato Babacar, altrimenti avremmo fatto 2-2 e poi vinto la partita. Il Presidente è stato fin troppo gentile. Avete rubato la partita!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 mesi fa

Non c’è nulla di peggio di chi s’innamora di una tesi…fra l’altro questo signore fa l’avvocato dovrebbe avere capacità di giudizio e capire quando si persevera nell’errore,ma tant’è :ad impossibilia nemo tenetur..

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News