Resta in contatto

News

Immobile: “Non possiamo permetterci musi lunghi: domenica c’è il Lecce”

Lazio - Celtic, Ciro Immobile

Al termine della partita, l’attaccante della Lazio Ciro Immobile ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24 della sconfitta contro il Celtic tra le mura amiche.

Ciro Immobile ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24, dopo la sconfitta contro il Celtic per 1 a 2. Partita che complica quasi definitivamente il cammino dei biancocelesti in Europa.

“In Europa è così, se non segni non vinci. C’è rammarico, anche se la matematica non ci condanna siamo quasi fuori. Purtroppo non dipende solo da noi. Dovevamo segnare il goal del due a uno, le possibilità ci sono anche state, ma è un momento che gira così. Dobbiamo tenere conto di questa sconfitta. Rivedremo la partita per capire dove possiamo ancora migliorare. Domenica c’è il Lecce, non ci possiamo permettere musi lunghi. Non mi lamento mai degli arbitri italiani perché sono i migliori, oggi c’era un rigore abbastanza netto per noi, addirittura mi ero accorto in diretta dell’entità dell’episodio”.

Il bomber biancoceleste è intervenuto in seguito ai microfoni di Lazio Style Radio:

“È la terza partita che perdiamo così in Europa League, abbiamo dominato sia in Scozia che stasera ma non siamo riusciti ad andare in gol e in questa competizione lo paghi. Già in partita avevo visto che fosse rigore, era davvero semplice da vedere, il loro difensore si è trasformato in un portiere. Decisione sbagliata, ma andiamo avanti.
Col gioco abbiamo dimostrato di essere sempre in partita, la palla navigava sulla linea di porta e non siamo riusciti a buttarla dentro. Ma domenica c’è il Lecce, l’occasione per rifarci subito davanti al nostro pubblico che stasera ci ha spinto. Vorrei già giocare adesso, dobbiamo essere carichi e lottare su ogni pallone come stasera. Il 101° gol? Mi sarebbe piaciuto vincere”.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Lo storico difensore e capitano dello Scudetto del 2000

Alessandro Nesta

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

IL LIBERO E CAPITANO DELLA LAZIO DEL PRIMO SCUDETTO

Pino Wilson

L'indimenticabile allenatore della Lazio del primo scudetto

Tommaso Maestrelli

Una delle ultime bandiere e simbolo della Lazio

Vincenzo D'Amico

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Gli vorrò per sempre bene, il il mio idolo calcistico, il grande, l'insuperabile Beppe Gool, e segna sempre lui e segna sempre lui, si chiama Beppe..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Negli anni 70 avevo la mia camera tappezzata di sue immagini e ascoltavo sempre Battisti con i giardini di marzo. ..."
Lazio, Tommaso Maestrelli

Lazio, oggi la ricorrenza della scomparsa di Maestrelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che tristezza"

#CountdownToHistory: Immobile nella leggenda

Ultimo commento: "Grandissimo"

Altro da News