Resta in contatto

News

“A tu per tu” con Klose: da Inzaghi a Immobile passando per Strakosha

"A tu per tu" con Klose: da Inzaghi a Immobile passando per la panchina

Un’intervista all’ex attaccante di Lazio e Germania, Miroslav Klose, della Gazzetta dello Sport: scopriamo cosa pensa dei biancocelesti

L’intervista della Gazzetta dello Sport a un grande, grandissimo ex come Miroslav Klose.

L’ex biancocelesti intervistato su diversi temi legati alla Serie A, è intervenuto anche per parlare della Lazio. Dalla sorpresa Strakosha al lavoro svolto da Simone Inzaghi, passando per il suo erede Ciro Immobile.

Dal portiere albanese, l’ex bomber della nazionale tedesca si è detto sorpreso.

“Quando c’ero io era il terzo portiere e avrei puntato i miei risparmi che non sarebbe diventato titolare. La sua crescita dimostra semplicemente che bisogna dare spazio ai giovani e dar loro tempo di crescere”.

Convinto invece che il suo ex allenatore Pioli possa fare bene con i rossoneri, Klose risponde anche alle domande in merito a Simone Inzaghi. L’allenatore piacentino, secondo il tedesco, è riuscito a trovare sicurezza di sé e ha perso quella timidezza dell’inizio della sua avventura biancoceleste con la quale si rapportava ai giocatori.

“Sta facendo un lavoro eccezionale.

Ora è molto più sicuro di sé. Sta facendo bene, sono contento per lui e per la Lazio.”

Secondo Klose, Ciro Immobile è un erede dalle caratteristiche simile alle sue. La voglia di lavorare per la squadra, di creare palle gol e di correre molto per il bene del gruppo gli ricordano il suo modo di giocare.

Infine in linea con quanto dichiarato dal presidente Lotito, anche secondo l’ex attaccante il mancato raggiungimento del traguardo Champions è da imputare a un atteggiamento psicologico sbagliato.

“C’è un problema di testa, perché bisogna capire che anche gare con avversari meno blasonati i punti a disposizione sono sempre 3. A volte c’è anche un problema di rosa che non è sempre lunga.

Anche quest’anno vista la qualità del campionato, sarà difficile per la Lazio arrivare quarta”.

 

Leggi anche:

Rassegna stampa, le prime pagine dei quotidiani sportivi nazionali (FOTO)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News