Resta in contatto

News

Lazio, parte la scuola post carriera. Lotito: “Formiamo persone”

Lazio, presentazione calendari Scuola di formazione

Nuovo appuntamento in casa Lazio con l’iniziativa della Scuola di formazione post carriera: la conferenza alla presenza anche di Claudio Lotito

Appuntamento extra campo per la Lazio. La sala stampa dell’Olimpico ospiterà alle 15 la conferenza di presentazione di “CALCIO – EDUCAZIONE – CULTURA”, il progetto di formazione nell’ambito della Scuola post carriera biancoceleste.

Lo scorso 31 luglio, il club biancoceleste e l’Università Telematica Internazionale Uninettuno avevano svelato i dettagli della loro collaborazione, con il contributo di Igea Banca: corsi formativi e professionalizzanti pensati ad hoc per i ragazzi del settore giovanile e per le calciatrici delle squadre femminili.

La presentazione del calendario formativo

Oggi sarà presentato il calendario dei corsi, alla presenza di Claudio Lotito. Insieme al presidente della Lazio, anche il responsabile della comunicazione Arturo Diaconale; il responsabile del settore giovanile e delle formazioni Women, Mauro Bianchessi; Anna Maria Nastri, staff del presidente e sviluppo progetti; la presidente della Divisione Femminile della Figc, Ludovica Mantovani; Maria Amata Garito, rettrice di Uninettuno; Patrizia Angelini, giornalisti del Tg1 e presidente del Comitato Scientifico ONBD; Mauro Masi, presidente di Igea Banca.

L’intervento di Claudio Lotito

“Mi sono sempre posto il problema del tema ‘mens sana in corpore sano’. Nel calcio abbiamo la responsabilità di essere esempi, lo dico sempre ai miei giocatori. E come consigliere federale, sono stato un fautore del calcio femminile.

Le nostre iniziative sono dirette a creare la normalità, per aiutare le persone svantaggiate a essere come gli altri e per dare loro gli strumenti adatti per raggiungere i propri obiettivi.

Una persona, anche quando ha raggiunto i propri obiettivi sportivi, deve conoscere anche il linguaggio della cultura e dell’anima. Ciò si acquisisce attraverso la preparazione scolastica.

Spero che la Lazio possa aprire un percorso che ispiri anche le altre realtà calcistiche e sportive“.

L’intervento di Anna Maria Nastri

“È un progetto che vi abbiamo presentato a luglio, oggi vi raccontiamo cosa abbiamo fatto in questi due mesi. L’obiettivo è quello di preparare queste ragazze e questi ragazzi alla loro vita futura. Questo corso è uno dei primi organizzati in Italia, anche la Uefa e altre società del nostro Paese stanno seguendo questo modello.

Prendiamo i ragazzi dai 13 ai 19 anni, li formeremo come se per loro fosse una seconda famiglia. Il corso riguarda Under 15, Under 16 e Under 17, il settore giovanile e la prima squadra della Lazio Women e dura tre anni, dai 15 ai 17 anni. Poi ci sarà un esame per poter vincere una borsa di studio presso l’Università UniNettuno. Le lezioni inizieranno il 15 ottobre e si terranno a Formello”.

L’intervento di Ludovica Mantovani

“Sport e cultura devono proseguire di pari passo. Il mio intento è quello di promuovere la figura del docente di attività motoria. Voi state portando la scuola nel calcio, avete una passione che vi porta avanti”.

L’intervento di Mauro Bianchessi

“Il nostro lavoro nel settore giovanile è quello di formare i giocatori per la Lazio, ma siamo consapevoli che non tutti raggiungeranno quel livello. Per questo abbiamo il dovere di formare buone persone che rappresentano il futuro.

Toglieremo qualche ore al lavoro sul campo e aggiungeremo qualcosa del mondo del calcio che non riguarda la pratica. Gli otto migliori avranno a disposizione anche un giorno per lavorare sulla crescita tecnica, atletica, fisica e mentale, attraverso figure professionali come il maestro di atletica, di arti marziali e il mental coach. Sono nel mondo del calcio da 30 anni, ma quello che ho visto a Formello non lo avevo mai visto prima“.

 

(seguono aggiornamenti…)

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Gabriele
Gabriele
7 mesi fa

Alcune persone amano rilasciare dichiarazioni,ma i loro comportamenti arroganti e maleducati,rivelano il loro vero modo di essere.

Advertisement

I MITI BIANCOCELESTI

Il leader carismatico della squadra che regalò ai tifosi il primo scudetto nel 1974

Giorgio Chinaglia

Il simbolo della Lazio. Un gol dopo l'altro, una prodezza dopo l'altra

Giuseppe Signori

Advertisement

Signori, e segna sempre lui: che ricordi hai di Beppe-gol?

Ultimo commento: "Io ho vissuto l era VINCENZO PAPARELLI ERO LI E NON SONO PIU ANDATO ALLO STADIO MA POI L ARRIVO DI BEPPE SIGNORI MI HA FATTO IMPAZZIRE E MI SONO..."
Lazio, i Miti: Giorgio Chinaglia

Giorgio Chinaglia, il grido di battaglia: rievoca le gesta di Long John

Ultimo commento: "Sono della Lazio dalla nascita, anni 50, nel periodo di Chinaglia eravamo tifosi più di Chinaglia che della Lazio, è strano ma è cosi, nessuno ha..."
Lazio, i Miti: Juan Sebastian Veron

Veron, Juan Sebastian gol: che emozioni ti ha fatto vivere la Brujita?

Ultimo commento: "Veron uno dei più grandi in assoluto,un vero mago del calcio,anche lui un affezionato come tanti altri,solo noi abbiamo tanti giocatori e allenatori..."

Uber Gradella: il portiere che preferì smettere piuttosto che giocare con altri

Ultimo commento: "Lo conpscevo personalmente, aveva un negozio di articoli sportivi vicino casa mia. Ma non l'ho mai visto giocare."
Lazio, Miti: Eugenio Fascetti

Eugenio Fascetti, guida leggendaria: che peso ha per te nella storia della Lazio?

Ultimo commento: "Un bravissimo allenatore, forse poco apprezzato a cui non e' stata fornita, all'epoca, l'occasione della grande squadra. Soprattutto poi un uomo vero."

Altro da News